Porrà: “Inter, Icardi prende 130 mila euro a settimana. Una bella cifra per star fermo”

Porrà: “Inter, Icardi prende 130 mila euro a settimana. Una bella cifra per star fermo”

Le parole del giornalista Sky sui nerazzurri all’indomani del derby vinto contro il Milan

di Marco Macca, @macca_marco

Intervenuto a Sky Sport 24, Giorgio Porrà ha commentato quanto accaduto ieri sera a San Siro nel derby tra Milan e Inter, vinto per 3-2 dai nerazzurri, che hanno così ottenuto tre punti fondamentali nella corsa Champions, toccando poi inevitabilmente il tema caldo in casa nerazzurra, quello relativo a Mauro Icardi:

Non mi piace la comunicazione di Mauro Icardi sui social, sarebbe bene non avvitarsi in queste cose. L’argentino ha messo tutto sulla piazza social ed è uno dei motivi per cui l’Inter si è infuriata. Anche se nelle ultime ore pare esserci un avvicinamento fra le parti, anche se a me sembra una rottura definitiva. Spalletti? I suoi riferimenti procedono in quella direzione, anche perché c’è Lautaro, un vice che sta diventando titolare. Continuo a non capire molte cose di questa vicenda. Se il giocatore continua a restare nel suo lettino digitale, come la risolvi? Ci sono tante cose che non funzionano. La posizione dell’Inter è stata chiara, con un tentativo robusto di ristabilire ordine e gerarchie. Da parte di Icardi continuo a non capire questo tipo di comunicazione attraverso i social. Penso ci sia un danno reciproco, a meno che non ci sia una strategia non dichiarata di abbassare il valore del giocatore e attrarre le pretendenti. Ci vorrebbe un chiarimento con l’allenatore e lo spogliatoio. Qualora rientrasse, difficilmente sarebbe titolare. Stiamo comunque parlando un giocatore di 26 anni che ha segnato con l’Inter 122 gol e che è il 9° marcatore di sempre dei nerazzurri. E’ un grande giocatore che continua a percepire 130 mila euro, una bella cifra per starsene fermo ai box. Questo non va bene per nessuno“.

(Fonte: Sky Sport)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy