Vecino, il futuro in una notte: l’Inter vuole confermarlo, ma senza la Champions…

Vecino, il futuro in una notte: l’Inter vuole confermarlo, ma senza la Champions…

Il centrocampista uruguayano potrebbe essere sacrificato in estate

di Fabio Alampi, @FabioAlampi
Matias Vecino, Inter-Chievo, 2019

L’Inter si gioca il suo futuro europeo domenica sera a San Siro, nella sfida contro l’Empoli: una sfida da dentro o fuori, che ricorda quella dello scorso anno contro la Lazio. Una partita che potrebbe esaltare ancora una volta Matias Vecino, l’uomo dei gol decisivi. Il futuro dell’uruguayano, come riporta Tuttosport, potrebbe dipendre dalla qualificazione in Champions League: “Queste sono le partite di Matias Vecino. Domani a San Siro contro l’Empoli, nella serata che vale la qualificazione in Champions League, i tifosi nerazzurri a San Siro osserveranno con un occhio particolare l’uruguaiano che si accende nelle sfide decisive. Era stato così un anno fa all’ultima giornata con la Lazio all’Olimpico quando fu proprio Vecino a firmare il gol decisivo per sconfiggere i biancocelesti e conquistare l’Europa delle magnifiche 32. E’ stato ancora il sudamericano a griffare la serata più bella dell’Inter nella Champions 2018-19: il gol del 2-1 contro il Tottenham per completare la rimonta in uno dei finali più vibranti mai visti a San Siro negli ultimi anni. E non si deve cambiare giocatore per identificare il migliore in campo nel derby di marzo fino a questo momento determinante nelle gerarchie europee delle due milanesi. Nella stracittadina di ritorno è stato ancora una volta Vecino a indirizzare una partitissima con il gol del vantaggio dopo pochi minuti“.

FUTURO E MERCATO – “La conquista della Champions blinderebbe anche la permanenza di Vecino in nerazzurro. Diversamente l’uruguaiano potrebbe rappresentare uno degli elementi più interessanti da negoziare in uscita sul mercato. Nonostante i 28 anni da compiere ad agosto, il centrocampista è ancora in una fase ascendente della carriera. In questa stagione si è fatto conoscere per la prima volta in Champions. Ma nessuno alla Pinetina vuole privarsi dell’uomo che lascia il segno nelle partite decisive“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy