Conte: “Vivo per l’Inter, qui per vincere nel tempo. Mercato? Club chiaro. Quando andrò via…”

L’allenatore nerazzurro intervistato dalla Gazzetta dello Sport

di Marco Macca, @macca_marco

Una lunga intervista che racconta tutto il suo coinvolgimento nell’Inter e la sua voglia di arrivare a vincere in nerazzurro. Per un progetto che duri nel tempo, e che lo veda ancora per molto seduto su quella panchina. Antonio Conte, intervistato dalla Gazzetta dello Sport, non si risparmia e, ai taccuini della rosea, racconta le sue ambizioni in nerazzurro con parole davvero importanti. Eccole:

VIVO PER L’INTER – “Vivo l’Inter 24 ore al giorno, senza sosta, con un unico obiettivo: aiutare la società a tornare stabilmente tra i top club, dove la storia vuole che stia. La vittoria finale non è mai scontata o garantita, si crea attraverso un lungo percorso fatto di passione, lavoro, fatica, sacrificio, cura dei particolari. Ho sempre lavorato nella mia carriera in questo modo, e quando un giorno, spero lontano, andrò via, di una cosa sono certo: l’Inter che lascerò sarà, sotto tutti i punti di vista, migliore di quella che ho trovato“.

Getty Images

MENTALITA’ VINCENTE – “Molti parlano solo della vittoria come se fosse facile da raggiungere. Io invece parlo della mentalità vincente. Perché, vede, si può vincere un anno anche solo per demeriti altrui o perché ti gira tutto bene, ma essere una società vincente nel tempo è un’altra cosa. E il mio obiettivo, insieme al club, è riuscire a riportare l’Inter a quel livello. Però bisogna essere chiari e non vendere fumo: non ci si arriva grazie a un acquisto e neanche solo per le capacità di un tecnico, perché dieci anni senza successi come quelli passati dall’Inter non sono casuali“.

MERCATO DIFFICILE – “Gli allenatori non sono mai del tutto soddisfatti, non lo sa? Non ne troverà mai uno, si fidi… E’ stato un mercato difficile per tutti. Sia nel comprare sia nel vendere. La società era stata chiara: si fa mercato con quello che si incassa. Il mio compito è di lavorare e rendere migliore la rosa che mi viene messa a disposizione“.

Getty Images

DESIDERIO – “Solo di avere sempre il giusto rispetto. Accetto le critiche, ma non sulla mia professionalità e sulla mia totale dedizione al lavoro e all’Inter. Quando lascerò questa maglia, sarà migliore di come l’ho trovata“.

(Fonte: la Gazzetta dello Sport)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy