Gravina: “Scudetto? Ho proposto playoff tra Juve, Lazio, Inter e Atalanta. Il 23 sceglieremo tra…”

Gravina: “Scudetto? Ho proposto playoff tra Juve, Lazio, Inter e Atalanta. Il 23 sceglieremo tra…”

Il presidente della Figc conferma le tre ipotesi al vaglio per chiudere la stagione in caso di stop definitivo

di Redazione1908

Qualora l’emergenza Covid-19 non dovesse consentire la conclusione dei campionati, come si comporterebbe la Figc? Il presidente, Gabriele Gravina, ha confermato le tre ipotesi al vaglio e ha spiegato meglio come verrebbero organizzati gli eventuali playoff.

“Abbiamo sospeso due giornate di campionato fino al 3 aprile. Abbiamo anche affrontato l’ipotesi più negativa per il nostro mondo, il caso di blocco o interruzione del campionato. Il prossimo Consiglio Federale (in programma il 23 marzo ndr) adotterà un principio che non è stato mai previsto all’interno delle nostre norme. Il principio si potrà ispirare alla non assegnazione, che sarebbe atto di grande mortificazione per la competizione sportiva, all’assegnazione tenendo conto delle posizioni consolidate in quel momento oppure a una formula che mi sono permesso di lanciare, che è l’introduzione dei playoff e dei playout. Lo scudetto può avvenire attraverso questo processo delle prime 4 classificate in termini di playoff e le ultime 4 in termini di playout. E dare la possibilità alla Federazione di indicare le squadre che parteciperanno alle competizioni internazionali, mi riferisco alla Champions League e all’Europa League.”

Questa, ovviamente, è l’ipotesi più estrema, quella relativa alla Serie A definitivamente saltata. La prima ipotesi, invece, è quella di far slittare il campionato fino al 31 maggio, cercando quindi di recuperare le giornate saltate e concludere regolarmente la stagione. Il tutto sarà deciso il prossimo 23 marzo, data a questo punto decisiva per le sorti della Serie A.

Caos Serie A: 3 ipotesi per il 23 marzo. I giocatori non vogliono allenarsi. Coppe a rischio

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy