Sanchez, la speranza dell’Inter e il timore dello United. Esposito? Non è passato inosservato…

Il club nerazzurro spera di trattenere il cileno. Intanto Esposito è rimasto in panchina anche ieri

di Gianni Pampinella

È stata la sua migliore prestazione con la maglia dell’Inter. Alexis Sanchez è stato un incubo per la retroguardia del Brescia e le domanda sorge spontanea: quanto avrebbe potuto fare e dare il cileno senza quel maledetto infortunio rimediato in nazionale? L’assenza del giocatore ha inciso molto perché Antonio Conte ha dovuto ‘spremere’ Lautaro e Lukaku per buona parte della stagione.

Ecco perché adesso all’Inter c’è una certa preoccupazione in vista dell’Europa League. “Per strappare il via libera anche per il resto dell’Europa League, invece, occorrerà continuare a trattare, sperando magari di allargare il discorso pure alla prossima stagione. Ma i Red Devils, come ormai evidente, temono l’incrocio con la squadra nerazzurra e con Alexis: sarebbe una beffa venire eliminati proprio da chi hanno scaricato. Intanto, finché possibile, Conte proverà a sfruttarlo e a goderselo. Non sarebbe una sorpresa se avesse una maglia da titolare anche domenica prossima con il Bologna“, sottolinea il Corriere dello Sport.

Se Sanchez è in rampa di lancio, discorso diverso per Sebastiano Esposito. Il giovane attaccante è rimasto in panchina nonostante il vantaggio rassicurante: “Peraltro, non è passato inosservato che anche ieri sera, Esposito se n’è rimasto in panchina. Quando si è trattato di sostituire Lautaro, infatti, è stato Lukaku a entrare. Che la scelta dipenda dalle difficoltà sorte nella trattativa per il rinnovo del suo contratto?“.

(Corriere dello Sport)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy