TS – Inter, vittoria da scudetto nonostante quel cambio di Conte. “Forse nella sua testa…”

L’analisi di Tuttosport in merito al successo dell’Inter

di Matteo Pifferi, @Pifferii

“Il Napoli gioca, l’Inter vince. E per la prima volta in campionato non prende gol a San Siro. Questo avviene anche per circostanze miracolose (le due parate di Handanovic su Insigne e Politano) oltre che per una buona dose di fortuna (il palo in pieno recupero centrato da Petagna); però gli scudetti si vincono grazie a punti brutti e sporchi come questi e i tre conquistati a spese da un ottimo Napoli hanno permesso all’Inter in novanta minuti di “rosicchiare” pure due punti a Milan e Juve”. Apre così l’articolo di Tuttosport in merito alla prestazione non convincente dell’Inter contro il Napoli che però è valsa tre punti di vitale importanza, visti i mezzi passi falsi di Milan e Juve. A decidere l’incontro ci ha pensato Lukaku su rigore, anche se il belga è stato protagonista di una partita incolore. Romelu “è apparso stanco come Lautaro Martinez, pure lui un’ectoplasma nella notte di San Siro, fatta eccezione per la grande occasione mancata a inizio partita”.

CAMBI DI CONTE – Nel finale, nonostante un uomo e un gol in più, l’Inter è andata in sofferenza anche per un cambio controproducente di Conte, che ha tolto Lautaro ed ha optato per un 5-4-1 totalmente difensivo. “Probabilmente nella sua testa la mossa doveva dare scacco a Gattuso, invece ha avuto come primo sgradevole effetto collaterale il fatto che la squadra – che già era stata in balìa del giropalla avversario – si schiacciasse davanti ad Handanovic, lasciando campo libero agli avversari che, come sottolineato, non hanno pareggiato solo per sfortuna e perché hanno trovato come avversario un portiere che ha sfoderato una prestazione da raccontare ai nipotini”, commenta il Corriere dello Sport.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy