Conte chiama Wanda e riceve la proposta più assurda: “Icardi un peso per l’Inter? Liberatelo a zero”

Conte chiama Wanda e riceve la proposta più assurda: “Icardi un peso per l’Inter? Liberatelo a zero”

Il tecnico dell’Inter ha parlato per un’ora con l’agente dell’attaccante

di Andrea Della Sala, @dellas8427
Icardi, la proposta choc di Wanda all'Inter
La situazione di Mauro Icardi all’Inter è sempre più delicata. Se da una parte il tecnico e la dirigenza hanno fatto presente che l’argentino non rientra nei piani nerazzurri, dall’altra il giocatore vuole continuare a vestire la maglia dell’Inter e lo ha fatto presente anche tramite la moglie e agente Wanda Nara.
“Se per lui non ci sarà posto, chiede di essere svincolato gratis. Questo ha detto Wanda Nara ad Antonio Conte una settimana fa, in una telefonata di un’ora. Una posizione ritenuta assurda e inaccettabile dalla società, che con la cessione dell’attaccante conta di portare a casa milioni preziosi per il mercato. A chiamare la moglie e manager del numero 9 è stato l’ex ct. Nara si trovava con i figli a Milano, nell’attico con vista stadio in cui vive. A Conte ha assicurato che Maurito lo ritiene un grande allenatore. Ha poi fornito la propria versione dei contrasti alla Pinetina negli ultimi mesi. Prima la decisione di togliere a Icardi la fascia di capitano, che lei ritiene ingiusta e fatta per allontanarlo dal gruppo e dai tifosi, per poi venderlo. Quindi il dolore provato dal marito nel vedersi declassato, alleviato solo dalle lettere dei giovani tifosi, che conserva a centinaia. Nara ha anche ripercorso i due mesi che Icardi ha passato senza allenarsi: sostiene che l’autoesilio fosse davvero dovuto ai guai al ginocchio (si dice pronta a esibire la documentazione medica) e non a una ripicca. Una verità di parte, molto distante da quella della società e di molti tifosi interisti. Infine, il giro di vite: se l’Inter considera Icardi un peso – ha detto Nara – se ne liberi consentendogli di partire a parametro zero. Una provocazione che Wanda non ha però ribadito all’ad Beppe Marotta, con cui i colloqui sono frequenti”, spiega Repubblica.
Juve vuoi Icardi? No ai saldi, l'Inter chiede Dybala o 70 milioni
“Repubblica ha raccontato di come lo staff del giocatore abbia anche contattato diversi avvocati, per valutare se in caso di muro contro muro possa essere il collegio arbitrale della Serie A a dichiarare risolto il contratto che lo lega all’Inter fino al 30 giugno 2021. Le carte bollate sarebbero l’ultima spiaggia. Icardi e i suoi collaboratori, come anche la società, confidano che la questione possa risolversi con beneficio per tutti, ma le posizioni sono distanti e il tempo stringe. Icardi tiene duro, mentre per l’Inter l’ottimo sarebbe cederlo già entro il 30 giugno, per realizzare le plusvalenze imposte dal fair play finanziario Uefa. La squadra andrà in ritiro a Lugano l’8 luglio. Se a quella data Icardi non sarà stato ceduto, è probabile che Conte lo convocherà, anche per evitare azioni legali. Al Chelsea Diego Costa sostenne di avere ricevuto un sms dal tecnico, nell’estate 2017, che gli comunicava che non rientrava nei progetti della squadra. Fu l’inizio del burrascoso addio del giocatore al club londinese. Questa volta il tecnico è stato più cauto. Con Nara non si è nemmeno sbilanciato sul fatto che il marito possa o meno giocare nell’Inter la prossima stagione”, aggiunge il quotidiano.
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy