De Boer: “Inter? Allenavo giocatori che volevo cedere. Avevano lo stesso agente e…”

De Boer: “Inter? Allenavo giocatori che volevo cedere. Avevano lo stesso agente e…”

L’allenatore olandese torna sulla sua fallimentare avventura sulla panchina dell’Inter

di Gianni Pampinella

La sua avventura sulla panchina dell’Inter è durata appena 84 giorni, su quella del Crystal Palace ancora meno, 76 giorni. Ma nonostante tutto, Frank de Boer non ha rimpianti anche se quelle due esperienze lo hanno logorato: “Sia all’Inter che al Crystal Palace volevano una direzione diversa in termini di calcio,” si guarda indietro l’allenatore. “Stavano cercando una nuova identità. Ciò implica lavorare in un contesto ampio, se si intende tracciare una linea tecnica diversa. Era il mio compito principale: lascia che la prima squadra giochi. Ho messo così tanta energia in questo, ma non ho ottenuto nulla in cambio“, dice l’allenatore in una lunga intervista a Voetbal International. “Ho imparato che sono un allenatore che vuole concentrarsi sulla sua squadra e sul lavoro sul campo. Forse sono stato ingenuo nel voler fare bene per tutto il club. Mentre da allenatore sei giudicato per le tue prestazione con la prima squadra. È anche un po’ nel mio personaggio. All’Ajax dovevo anche tenere i disordini all’interno della direzione del club fuori dallo spogliatoio. Questo ha consumato energia. Ma l’ho fatto perché pensavo fosse necessario, nell’interesse del club. Ho avuto lo stesso approccio a Milano e Londra“.

L’INTER – “All’Inter non sono cambiato molto nel modo di giocare all’inizio. Al Crystal Palace la storia era diversa. Lì volevo far diventare Wilfried Zaha il protagonista, giocare più calcio. Ma non abbiamo avuto il tempo di prendere in mano la situazione. Un aspetto diverso rispetto all’Inter: lì avevo a che fare con diversi giocatori che non avrei utilizzato, ma sono rimasti nel club. Mentre dovevano essere ceduti. La maggior parte avevano lo stesso agente e questo è diventato un problema. Dopo che sono stato licenziato, quei giocatori sono stati venduti. Ero anche a disagio nella gestione del club. Con l’Atlanta United posso lavorare in relativa pace“.

LA REPUTAZIONE – All’allenatore viene chiesto se abbia mai temuto per la sua reputazione dopo le cocenti delusioni con Inter e Crystal Palace. “Certamente no se lavori duramente con le migliori intenzioni. Le persone hanno un’opinione su questo e lo capisco. Quello che personalmente trovo molto importante è che posso ancora guardarmi allo specchio. Ho dato il mille per cento nei club in cui ho lavorato. Non ho mai giocato a nessun gioco. Inoltre, non sono così preoccupato della mia reputazione. Se hai buone idee e lavori sodo, alla fine sarai ricompensato per questo. Ne sono convinto“.

(Voetbal International)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy