FCIN1908 Scouting – Sinistro da paragoni importanti, golazo a casa Messi: Inter, ecco Oristanio

La rubrica sui migliori giovani del panorama internazionale curata da Fcinter1908: oggi presentiamo Gaetano Pio Oristanio

di Fabio Alampi, @FabioAlampi
Gaetano Oristanio, Inter Primavera

In un calcio dove sempre più giovani riescono a imporsi e a far innamorare i propri tifosi, con le più grandi società pronte a sfidarsi a suon di milioni per accapararsi i migliori, Fcinter1908 vi propone ogni settimana un talento diverso, con un occhio di riguardo per i giovani di casa nerazzurra.

Un sinistro come il suo, in casa Inter, non si vedeva da tempo. E non parliamo solo di settore giovanile, ma anche di Prima Squadra. Poco importa che si parli di un ragazzo di appena 18 anni: il talento di Gaetano Pio Oristanio, fantasista mancino classe 2002, è noto ormai da anni tra gli appassionati di calcio giovanile, e ha già varcato i confini italiani. Per un’ulteriore conferma chiedere a Barcellona, o addirittura in Brasile. Il gioiellino di origini campane ha già avuto modo di mettere in mostra tutta la sua classe sopraffina, ed è pronto a spiccare il volo.

Gaetano Oristanio, Inter Primavera
Getty Images

ANNATA DOC – Arrivato a Milano nell’estate del 2015, Oristanio entra a far parte della talentuosissima nidiata dei 2002 nerazzurri che comprende gioiellini come Sebastiano Esposito, Lorenzo Pirola e Filip Stankovic e che, dopo aver perso in finale lo scudetto Under 15, vincerà in sequenza quelli Under 16 e Under 17.

Trequartista dal talento sopraffino, all’occorrenza seconda punta, Oristanio è dotato di una tecnica di base invidiabile: abile nel dribbling e nel gioco nello stretto, con il suo sinistro è in grado di far male in qualsiasi momento, sia sui calci da fermo che con palla in movimento, anche dalla lunga distanza. Devastante quando trova spazio tra le linee, è dotato di un’ottima visione di gioco, che gli consente di mandare con facilità i compangi in porta.

A CASA DELL’IDOLO – Classico numero 10 tutto sinistro e fantasia, risulta facile intuire chi possa essere l’idolo di Oristanio: Lionel Messi. E chissà come si sarà sentito il 2 ottobre di un anno fa quando, a casa del suo eroe, a Barcellona, è andato a segno con un calcio di punizione degno del 6 volte Pallone d’Oro.

Una traiettoria perfetta, con il pallone che si insacca all’incrocio dei pali. Una magia replicata un mese più tardi, questa volta con la maglia della Nazionale, negli ottavi di finale del Mondiale Under 17 contro l’Ecuador: un gol che gli valse anche i complimenti della FIFA. Capacità balistiche che ai tifosi dell’Inter non possono che riportare alla mente quelle di un altro talento in grado di incantare con il suo mancino: Alvaro Recoba.

Gaetano Oristanio, Barcellona-Inter
Getty Images

UOMO MERCATO – Atteso dalla stagione della definitiva consacrazione, Oristanio è stato costretto a subire le conseguenze della pandemia di coronavirus, che ha bloccato le competizioni giovanili e rallentato in maniera consistente la crescita dei ragazzi. E dire che il suo campionato era iniziato nel migliore dei modi, con 2 reti nelle prime 3 giornate.

Aggregato stabilmente ngli ultimi mesi alla Prima Squadra, il suo nome è tornato recentemente in auge con la riapertura del mercato: diversi club hanno bussato alla porta dell’Inter, ma è soprattutto l’Atalanta ad averci fatto più di un pensierino come contropartita nell’operazione Gomez. La dirigenza interista è pronta a scommettere ad occhi chiusi su Oristanio. Chissà che il 2021 non possa essere l’anno della sua esplosione.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy