Gundogan sale in vetta, è lui il prescelto per l’Inter. Marotta ha un piano e Perisic ne fa parte

L’ad dell’Inter conta di recuperare col croato i 40 milioni per strappare il giocatore al City

di Andrea Della Sala, @dellas8427
Ormai è chiaro: nel prossimo mercato l’Inter cercherà di migliorare il centrocampo e investirà su un grande giocatore che possa innalzare il livello di qualità del reparto. Rakitic è un obiettivo, ma il tecnico del Barcellona Valverde ha posto il veto alla sua cessione e difficilmente il croato verrà lasciato andare.
“L’Inter – tramite gli intermediari – tiene monitorata la situazione in casa blaugrana, però crescono le quotazioni del tedesco che (non a caso) nelle ultime settimane è stato costantemente monitorato dagli 007 nerazzurri. Gundogan, oltre a poterci giocare insieme, può essere un perfetto alterego di Brozovic. In più ha un contratto in scadenza nel 2020 e, a differenza di Rakitic, sta vivendo momenti di frizione con Pep Guardiola nati dalla sconfitta in Champions con il Tottenham: secondo il giocatore la reazione della squadra dopo il rigore fallito da Agüero non è stata all’altezza, provocando la reazione piccata dell’allenatore «Non sono assolutamente d’accordo con lui». Scintille che non sono sufficienti per parlare di crisi, però il City – in assenza di rinnovo – sarà costretto a valutare eventuali offerte per Gundogan onde evitare di perderlo a zero. L’Inter – che già dovrà fare uno sforzo molto importante per arrivare agli 8 milioni che il tedesco prende al City – valuta il cartellino 40 milioni, che – non a caso – è la cifra che Marotta intende incassare da Perisic“, si legge su Tuttosport.

 “Il croato, dopo essersi accordato con il Tottenham a gennaio, ha visto i suoi propositi di addio respinti da Steven Zhang. A fine stagione gli orizzonti saranno ben diversi, come provano gli esiti dei primi contatti avuti dai nuovi rappresentanti del giocatore: per 40 milioni può arrivare il via libera alla cessione. Plusvalenza che l’Inter vorrebbe investire nel grande colpo a centrocampo per colmare la lacuna più evidente rispetto alla concorrenza: nel reparto i rinforzi saranno due e in questo caso il ballottaggio è tra italiani tra Lorenzo Pellegrini (clausola da 30 milioni, pagabili in 2 rate da 15) e Nicolò Barella, che il Cagliari però continua a valutare troppo per i parametri nerazzurri“, spiega il quotidiano. 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy