Inter, è quasi intesa col Barça per Rakitic. Si chiude a 40 milioni? Il croato ha scelto Milano

Nei giorni scorsi Marotta e Ausilio hanno incontrato il Barcellona per cercare di portare all’Inter il centrocampista

di Andrea Della Sala, @dellas8427

Il nuovo grande obiettivo di mercato dell’Inter per la prossima stagione si chiama Ivan Rakitic. Il club nerazzurro è in pressing col Barcellona per il centrocampista croato e nelle ultime ore avrebbe mosso passi importanti verso la fumata bianca. Dopo essersi assicurata l’esperto difensore dell’Atletico Madrid Diego Godin, l’Inter è vicina anche a un altro grandissimo campione che gioca con la maglia blaugrana.

“In gran segreto in questi giorni l’a.d. nerazzurro Beppe Marotta e il d.s. Piero Ausilio hanno incontrato i vertici del club catalano e hanno posto le basi per un accordo intorno ai 40 milioni di euro. Almeno questo è il punto d’intesa più verosimile, considerando che l’ultima offerta interista è di 35 milioni di euro, mentre lo staff di Bartomeu è fermo alla richiesta di 45 milioni di euro. Basti pensare che la trattativa è entrata nel vivo la scorsa settimana con una richiesta iniziale di 50 milioni, evidentemente in quel momento lontana dai 30 milioni messi sul piatto all’inizio dal management nerazzurro. Sin dalle prime battute, però, s’è respirata un’aria di reciproca fiducia. A differenza di quanto era accaduto la scorsa estate con il Real Madrid per Luka Modric (addirittura con un denuncia di Florentino Perez alla Fifa!) stavolta il club di corso Vittorio Emanuele ha gettato subito la maschera con la dirigenza blaugrana, chiedendo subito di sedersi ad un tavolo per parlare del trasferimento. E i catalani hanno avviato il dialogo senza sospetti. È pur vero che ormai al Nou Camp non possono più scialare se vogliono evitare i rigori del Fair Play finanziario e ciò ha indotto Bartomeu e soci a porsi in maniera costruttiva”, riporta La Gazzetta dello Sport.

“Rakitic ha apprezzato la tempestività con cui i dirigenti della società milanese hanno avviato la pratica e i segnali appaiono positivi anche su questo versante. Non è secondario che Marotta sia entrato in azione solo dopo aver saputo che il giocatore aveva espresso il desiderio di poter cambiare maglia al suo attuale presidente. Una mossa dei primi di febbraio che, guarda caso, ha messo in subbuglio gli ambienti catalani, con le inevitabili fughe di notizie. Così il feeling era già diventato di dominio pubblico. Ma la trattativa vera e propria per il nuovo ingaggio solo adesso entrerà nel vivo. Dopo il via libera formale del club blaugrana i dirigenti dell’Inter approfondiranno i termini degli aspetti contrattuali con Dejan Rakitic, il fratello-agente del centrocampista nato in Svizzera, a Rheinfelden, alle porte di Basilea che compirà 31 anni il prossimo 10 marzo. E in questa partita gioca un ruolo importante anche un amico di famiglia, l’esperto intermediario italo-svizzero Giacomo Petradito. Raketa (razzo in croato) è sotto contratto con il Barcellona sino al 2021 e ha uno stipendio-base di 5,5 milioni di euro netti. Sul tavolo c’è almeno un triennale su cui sarà necessario lavorare quando anche le società avranno definito nei dettagli i loro discorsi. C’è ottimismo, perché in questa fase Barcellona e Inter si stanno confrontando più che altro sulle modalità dei pagamenti (quante rate, in quanti anni?) e gli immancabili bonus legati evidentemente ai risultati della squadra. In attesa che l’affare vada in porto merita attenzione il semaforo verde indicato dal giocatore e dalla sua famiglia. Ivan ha vinto tutto, ma lo affascina l’idea di chiudere la carriera ad alto livello in serie A. Per due volte la Juve e il Milan gli hanno voltato le spalle, ora ha l’occasione di prendersi una grande rivincita entrando in Italia dalla porta principale”, sottolinea la rosea.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy