Inter, gelo Icardi-Spalletti. Spogliatoio? Mauro non è isolato. Due passi per la “redenzione”

Inter, gelo Icardi-Spalletti. Spogliatoio? Mauro non è isolato. Due passi per la “redenzione”

Tiene banco in casa nerazzurro il caso legato a Mauro Icardi

di Marco Astori, @MarcoAstori_

 

Il rapporto sembra piano piano riappacificarsi: Mauro Icardi potrebbe presto riabbracciare l’Inter. L’incontro con l’ad nerazzurro Beppe Marotta ha disteso gli animi e il rientro dell’ormai ex capitano sembra ormai imminente. Così Tuttosport in merito alla questione nella sua edizione odierna: “Oggi parte la seconda fase dell’opera di ricucitura tra l’Inter e Icardi. Anche ieri ci sono stati contatti, ma nelle prossime ci sarà un nuovo incontro tra Marotta, Wanda Nara e l’avvocato Nicoletti. Mauro intanto oggi non si allenerà con il gruppo, ma si sottoporrà ancora alle cure al tendine del ginocchio destro. Magari proverà a correre, come ha già fatto negli scorsi giorni (ieri solo terapie), ma il rientro in squadra sarà graduale. Perché il percorso di recupero della migliore condizione fisica, secondo lui, va completato gradualmente. Da escludere che possa esserci con la Spal (non si allena con gli altri dal 13 febbraio), mentre ci sono più possibilità in vista della gara di ritorno contro l’Eintracht e del derby. Prima della completa “redenzione” restano ancora da fare dei passi in avanti, ma il summit di mercoledì ha avuto l’effetto di siglare un tregua. Le basi per costruire un armistizio fino a giugno ci sono, magari gettando lo sguardo verso un futuro con strade separate (sarà fissato subito il prezzo della cessione?). La sincerità e l’apertura con la quale Marotta ha trattato l’argomento sono stati apprezzati dalla famiglia Icardi che a sua volta ha garantito di abbassare i toni sui social perché certe uscite in corso Vittorio Emanuele non sono piaciute. La parola d’ordine è evitare nuove tensioni.

Perché l’Inter ha bisogno di Icardi, ma pure l’attaccante non può fare da spettatore fino a giugno pena l’esclusione dalla Coppa America. Rinunciato (definitivamente ?) alla fascia, Maurito si aspetta che la società lo aiuti a “ripulire” la sua immagine di fronte ai tifosi: vuole cioè che siano evidenziati i sacrifici che ha fatto in questi mesi per giocare con il dolore piuttosto che presunte mancanze. L’Inter conta di rivederlo in campo non appena si sentirà pronto, meglio se già la prossima settimana, senza aspettare il summit con Zhang. I prossimi incontri chiariranno le modalità del reinserimento di Icardi. Di certo la società dovrà contribuire al disgelo con Spalletti. Tra il tecnico e il numero 9 i rapporti erano freddi da tempo per questioni tattiche (Lucio voleva che partecipasse di più alla manovra) e poi c’è stata la storia della multa proposta dall’allenatore per il ritardato rientro dalla vacanze di fine anno. Infine la vicenda della fascia “tolta”, avvallata da Spalletti, e la stilettata di Lucio sull’avere l’Inter nel cuore. Tra i due c’è il gelo, come evidenziato dal colloquio di lunedì. E lo spogliatoio? Un chiarimento definitivo pare servire anche lì. Icardi non è isolato tanto è vero che mangia con i compagni e parla con diversi di loro. Alcuni negli scorsi giorni lo ha invitato a chiarire di fronte a tutti l’intera vicenda (lo spogliatoio se lo aspetta), ma secondo Mauro non è necessario perché a suo avviso lo avrebbe già fatto. Sarà questo il prossimo muro contro muro?”.
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy