Inter, Lautaro-Lukaku la coppia più affidabile: Sanchez e Politano, Conte attende segnali

Inter, Lautaro-Lukaku la coppia più affidabile: Sanchez e Politano, Conte attende segnali

Il punto sul reparto avanzato nerazzurro

di Fabio Alampi, @FabioAlampi
Lukaku e Lautaro, Inter

La sosta per le Nazionali consent di tracciare un primo bilancio di queste prime 9 uscite stagionali dell’Inter. Inter TV fa il punto sull’attacco nerazzurro.

“L’Inter ha il terzo miglior attacco del campionato, con 14 gol fatti nelle prime 7 giornate: uno in meno rispetto al napoli, ma uno in più della Juventus. Delle 14 reti realizzate dai nerazzurri, 6 arrivano dal reparto avanzato: 3 portano la firma di Romelu Lukaku, 2 di Lautaro Martinez e 1 di Alexis Sanchez, mentre è ancora a secco Matteo Politano”.

POLITANO – “Da esterno offensivo nel 4-2-3-1 della passata stagione, con Conte è passato a giocare da seconda punta. Il nuovo ruolo lo valorizza molto, e il suo inserimento a gara in corso offre imprevedibilità e qualità alla manovra della squadra”.

MARTINEZ – “Prosegue il percorso di crescita di Lautaro Martinez, a segno nelle ultime due partite contro Barcellona e Juventus. Due gol importanti e due prestazioni di livello da assoluto protagonista per El Toro, che con Antonio Conte in panchina sta trovando più continuità”.

SANCHEZ – “Ci si aspetta maggior continuità da Alexis Sanchez: il cileno, nel primo tempo contro la Sampdoria, ha fatto vedere una qualità che può cambiare l’attacco dell’Inter, garantendo nuove soluzioni offensive. El Nino, però, deve ancora trovare la miglior condizione per rendere al meglio. La sosta servirà anche a quello”.

LUKAKU – “Conte attende il ritorno di Romelu Lukaku, che con la doppietta a San Marino ha trascinato il Belgio alla qualificazione agli Europei. Oltre ai 3 gol segnati in campionato c’è un altro dato interessante che lo riguarda: con 95 palloni recuperati, Lukaku è l’unico attaccante nella top 10 dei recuperi”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy