Inter-Lione 1-0: la zampata di Lautaro regala la vittoria. Politano e Asamoah da applausi

Inter-Lione 1-0: la zampata di Lautaro regala la vittoria. Politano e Asamoah da applausi

La squadra di Spalletti scenderà di nuovo in campo per l’International Champions Cup

di Andrea Della Sala, @dellas8427

L’Inter esce vittoriosa dallo Stadio via del Mare di Lecce, a decidere la gara col Lione è la zampata di Lautaro Martinez. Nel primo tempo la squadra di Spalletti parte bene, ma poi è il Lione a creare più occasioni e a impensierire Handanovic. Nella ripresa crescono i nerazzurri che subiscono pochissimo e trovano la via della rete con Lautaro, servito da Dalbert, azione avviata da Politano. Bene Asamoah, il Toro, l’ex Sassuolo e la difesa. Segnali positivi da Dalbert.

LECCE – Dopo la partita col Chelsea terminata 1-1 con la rete di Gagliardini per l’Inter (nerazzurri poi sconfitti ai rigori), la squadra di Spalletti scenderà di nuovo in campo per l’International Champions Cup contro il Lione allo Stadio del Mare di Lecce. Per la sfida contro il club francese Spalletti sceglie la coppia Icardi-Lautaro Martinez, con Karamoh e Politano sulle fasce. Davanti ad Handanovic, ci sarà una difesa a quattro con D’Ambrosio, e Dalbert sulle fasce e De Vrij e Skriniar al centro. In mediana Asamoah e Gagliardini.

Queste le formazioni ufficiali dell’incontro:

INTER: 1 Handanovic; 33 D’Ambrosio, 6 De Vrij, 37 Skriniar, 29 Dalbert; 5 Gagliardini, 18 Asamoah: 16 Politano, 10 Martinez, 7 Karamoh; 9 Icardi
A disposizione: 27 Padelli, 46 Berni, 59 Dekic, 8 Vecino, 13 Ranocchia, 15 Joao Mario, 40 Emmers, 51 Celeghin, 65 Roric, 66 Belloni, 67 Zappa, 74 Salcedo
Allenatore: Luciano Spalletti

LIONE: 30 Gorgelin; 4 Rafael, 26 Solet, 25 Martins Pereira, 14 Dubois; 24 Diop; 17 Maolida, 12 Ferri, 28 Ndombele, 7 Terrier; 9 Diaz
A disposizione: 16 Racciopi, 6 Marcelo, 8 Aouar, 10 Traorè, 11 Depay, 15 Morel, 19 Gouiri, 22 Mendy, 23 Tete, 29 Tousard, 35 Caqueret
Allenatore: Bruno Genesio

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy