Inter, pioggia di milioni ogni anno dalla Grande Muraglia. Con l’ingresso di Lion Rock…

Il focus sugli investimenti cinesi che coinvolgono il club di corso Vittorio Emanuele

di Daniele Vitiello, @DanViti
Gli investitori cinesi non sembrano più così convinti di entrare nel business del calcio europeo, meno ancora in Italia. Con una sola, grande eccezione, l’Inter, come sottolineato dai colleghi di Repubblica nell’edizione odierna del giornale: “E’ soprattutto l’Inter a poter beneficiare dei soldi calcistici cinesi. E dal 2016 lo fa in modo imponente. Al di là degli investimenti della famiglia Zhang, ogni anno dalla Grande Muraglia arrivano oltre 120 milioni in sponsorizzazioni. È una cifra enorme che ha permesso all’Inter di raggiungere il breakeven di bilancio e uscire dal settlement agreement con l’Uefa. Suning contribuisce con 16.5 milioni, legati al “naming right” della Pinetina (23 con i bonus dell’ultima stagione). Ma è solo una piccola parte. L’azienda più visibile nella cartellonistica di San Siro è Fullshare Holdings, attiva nel campo dell’educazione per l’infanzia e nei servizi per il turismo, protagonista di un botta e risposta con una società finanziaria americana ( Glaucus Research) insospettita da movimenti di Borsa troppo repentini: Fullshare versa all’Inter 10 milioni all’anno.
ALTRI SPONSOR“Ma la parte del leone spetta a due agenzie che comprano a peso d’oro i diritti di negoziazione del brand Inter in Estremo Oriente: Beijng Imedia per 25 milioni all’anno, oltre a un costo di ingresso di 23.1 milioni, e Beijing Yixinshijie, per altri 25 milioni ogni esercizio. Questo imponente flusso di denaro contribuisce per oltre un terzo al fatturato totale dell’Inter. Ed è destinato a crescere con l’ingresso di Lion Rock. Risorse per mercato e monte stipendi, voce che potrebbe aumentare con il rinnovo del contratto di Icardi: il primo incontro di questo nuovo round è fissato per la prossima settimana”.
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy