Inter, principio di accordo per Barella: al Cagliari soldi e due giovani. Veto su Esposito

Il centrocampista rossoblu sarà il primo regalo per Antonio Conte

di Fabio Alampi, @FabioAlampi
Nicolò Barella, Cagliari

L’Inter stringe per Nicolò Barella: il centrocampista del Cagliari è uno dei primi obiettivi di mercato della dirigenza nerazzurra, che è pronta a rompere gli indugi per regalare ad Antonio Conte un elemento di qualità e quantità in mezzo al campo. Secondo quanto riporta Tuttosport, i due club avrebbero raggiunto un principio di accordo: “È Nicolò Barella il regalo Champions per Antonio Conte. Tra club è stato trovato un principio d’accordo su una valutazione del cartellino vicina ai 50 milioni, ma l’Inter ne sborserà “appena” 33 con l’inserimento nell’affare di due Primavera. Operazione che ricalca quella messa in piedi un anno fa con la Roma per Radja Nainggolan, non a caso filo rosso tra i due affari è Alessandro Beltrami, procuratore tanto di Barella, quanto del Ninja. Un affare che conviene a tutti: Tommaso Giulini, presidente del Cagliari, vedrà il cartellino del suo gioiello valutato quanto richiesto, l’Inter potrà mettere a segno nell’immediato una sostanziosa plusvalenza a bilancio (Ausilio dovrà far segnare un +30 entro il trenta giugno) mentre Barella avrà la possibilità di restare in Italia (un bene nella stagione che porterà agli Europei), coronerà il sogno di giocare insieme a Nainggolan e, naturalmente, potrà compiere il definitivo salto della sua ancor giovane carriera dopo aver conquistato i galloni di titolare in Nazionale“.

ESPOSITO NON SI TOCCA – “Il Cagliari potrà scegliere tra un ventaglio di opzioni che vanno da Merola e passano per i vari Pompetti, Gavioli e Colidio che però è zavorrato da una valutazione a bilancio di 6,5 milioni. Difficile invece che nell’affare possa entrare Esposito, considerato che il club nerazzurro, viste le qualità del ragazzo, vuole evitare di incorrere in un Zaniolo bis“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy