Inter, traffico a centrocampo ma c’è spessore. A prescindere dalle polemiche ad hoc

L’allenatore nerazzurro avrà a disposizione otto giocatori per tre maglie in mezzo ma una rosa così potrebbe fare la differenza

di Eva A. Provenzano, @EvaAProvenzano

Viene definito traffico ma non è detto che non sia un bene. E alla fine è pure una scelta consapevole date le difficoltà che potrebbero esserci in una stagione lunga e anomala. Il centrocampo dell’Inter è intasato, sottolinea il Corriere dello Sport. Ma pure Ausilio ha sottolineato che sono state fatte scelte diverse su una rosa più lunga per evitare difficoltà in una stagione anomala.

L’allenatore ora ha a centrocampo otto giocatori per tre maglie. In lista Champions ha inserito anche Nainggolan, escluso solo Vecino. Così potrà impiegare il 3-5-2 e il 3-4-1-2. Là in mezzo è arrivato Vidal, è andato via solo Borja Valero. Gagliardini è diventato inamovibile nelle idee dell’allenatore. Può far ruotare i suoi centrocampisti a piacimento a seconda delle caratteristiche. Brozovic, che era finito di nuovo tra i giocatori vicino all’addio ora potrebbe diventare di nuovo importante per l’allenatore. Il punto fermo resta Barella e poi c’è anche Sensi che salterà il derby per squalifica. Non è partito neanche il Ninja: sembrava destinato al Cagliari ma ora “può essere il jolly di Conte”. “Magari anche ago della bilancia, in corso d’opera. Le soluzioni sono svariate. Certo, il belga dovrà metterci del suo. Alzare l’asticella delle motivazioni, dopo che nel suo anno con Spalletti le cose non sono filate per il verso giusto. Ma il tasso qualitativo dell’Inter, con lui, è di spessore“, si legge sul Corriere dello Sport. 

Eriksen, che è stato impiegato da titolare con la Fiorentina, resta sempre uno di quelli che può dare la sua impronta alla partita, anche all’improvviso, per le sue qualità. Conte avrà l’imbarazzo della scelta e in questo senso probabilmente si è colmato il gap con la Juve. Un anno fa la rosa più corta e ‘le due squadre bianconere’, vanto per Sarri, probabilmente hanno fatto la differenza. L’allenatore spera basti, a prescindere dalle polemiche ad hoc, come quelle sui cinque cambi. 

(Fonte: Corriere dello sport)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy