Inter, Spalletti non ha raggiunto gli obiettivi per 2 motivi: neanche con la Champions. Il futuro lo decida…

Inter, Spalletti non ha raggiunto gli obiettivi per 2 motivi: neanche con la Champions. Il futuro lo decida…

La stagione dell’Inter, e di Luciano Spalletti, non può dirsi soddisfacente

di Daniele Mari, @fcin1908it

Lo dico subito: sono uno Spallettiano. Ma sono soprattutto una persona onesta, che risponde solo ed esclusivamente alla sua coscienza e al suo giudizio. Credo che Spalletti sia finito in un ambiente ormai intriso di mediocrità (a partire da buona parte della rosa) e sia stato più volte ‘tradito’ da promesse non mantenute. Ma nonostante questa doverosa premessa, credo che Spalletti non abbia raggiunto gli obiettivi dell’Inter. E lo dico oggi, che non c’è alcuna certezza sul piazzamento finale. Non li raggiungerebbe neanche con il terzo posto.

Un terzo posto che, a questo punto, l’Inter si deve sudare fino all’ultima giornata. E non erano queste le premesse. Non era questo che si chiedeva a Spalletti ad inizio anno. L’obiettivo minimo, infatti, era una qualificazione alla Champions “tranquilla”. Quante volte abbiamo sentito usare questo termine? Una qualificazione tranquilla. Vi sembra tranquilla l’eventuale qualificazione dell’Inter? Al di là dei casi extracampo (che imputo solo in parte minore a Spalletti, compreso il caso Icardi che in molti vorrebbero attribuirgli. Non io), il campo parla di una continua sofferenza, di continui match point buttati al vento, di un continuo “braccino” al momento di chiudere la questione.

Non era questo che si chiedeva a Spalletti, gli si chiedeva di condurre la nave in porto con una velocità di crociera serena e regolare. Invece l’Inter, nel girone di ritorno, ha fatto meno punti del Bologna, addirittura 7 in meno del Torino di Mazzarri, uno in più della Spal di Semplici. Come successo anche l’anno scorso, i nerazzurri hanno dilapidato quanto di buono fatto ad inizio anno, complicandosi maledettamente la vita.

Ecco il secondo motivo per cui non ritengo che Spalletti abbia raggiunto gli obiettivi. Non ci sono stati apprezzabili passi avanti rispetto alla passata stagione. Senza Rafinha e Cancelo, l’Inter ha perso due delle tre fonti di gioco che aveva (la terza è Brozovic), optando per Nainggolan come fulcro della nuova Inter Spallettiana.

Il dato statistico parla chiaro: l’Inter ha 3 punti in meno rispetto all’anno passato, malgrado il campionato mediocre delle sue rivali dirette, Roma e Lazio in testa. L’Inter ha subito due gol in più e ne ha segnati ben 6 in meno, il rendimento offensivo è ai limiti dell’Europa League. Ma soprattutto non c’è stata la crescita di personalità che sarebbe stato lecito aspettarsi.

Non sto dicendo che Spalletti vada esonerato a fine anno. La mia posizione, in merito all’allenatore, resta la stessa di alcune settimane fa: deve decidere Beppe Marotta. Se vuole cambiare allenatore, che gli si lasci carta bianca per cambiare allenatore, se vuole proseguire con Spalletti (e con promesse mantenute magari) che gli si consenta di proseguire con Spalletti. Ma che scelga Marotta, altrimenti che qualcuno mi spieghi il senso di ingaggiare il super manager bocciandogli la prima scelta veramente importante e cioè la guida tecnica.

Detto questo, il mio giudizio sulla stagione non cambierà, anche in caso di terzo posto: gli obiettivi non sono stati raggiunti.

7 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-13898642 - 2 mesi fa

    Non fa una piega.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Rex75 - 2 mesi fa

    Ma io dico una cosa come fanno a criticare Icardi uno che segna 130 gol e poi la storia dice tutto di una persona come Spalletti zenit Roma Inter un cesso di allenatore nn ha mai vinto niente problemi sempre con i più forti giocatori . X nn parlare di Perisic un giocatore che voleva andare via già l’anno scorso e già doveva andare in tribuna poi a gennaio altro casino è ancora titolare e nn in tribuna solo
    all’Inter succedono queste cose società mediocre che togli la fascia a gennaio solo x difendere un allenatore scarso e denigrare il più forte giocatore del nostro campionato P.s in qualsiasi squadra con un gioco icardi 25/30 gol a campionato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-13766204 - 3 mesi fa

    concordo appieno perlomeno mi aspettavo piu maturità nello sviluppo del gioco cosa che non ce stata tranne a sprazzi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. user-14156517 - 3 mesi fa

    spalletti fa un gioco antico..con 1 sola punta..la,squadra non diverte ..speriamo no lo riconfermano.ma il vero problema della Inter e sempre quello di prolungare i contratti ancora in corso..società non all altezza

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. user-7952748 - 3 mesi fa

    Concordo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Rob - 3 mesi fa

    Tutto giusto, con la sola eccezione che del caso Icardi Marotta è responsabile. Non lo solleviamo da responsabilità che pesano sulla classifica e a questo punto sul calciomercato, considerato il deprezzamento dell’uomo Vogue

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. user-14241094 - 3 mesi fa

    hai pienamente ragione

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy