Inter-Milan 1-0: Icardi non perdona, tre punti e Diavolo a distanza di sicurezza

Inter-Milan 1-0: Icardi non perdona, tre punti e Diavolo a distanza di sicurezza

Allo stadio Meazza in scena il derby di Milano tra Inter e Milan per la 9a giornata di campionato

di Giovanni Montopoli, @GioMontopoli

MILANO – Nel segno di Mauro Icardi. Il derby della Madonnina si colora di nerazzurro. Il Capitano dell’Inter si aggiudica la sfida tutta argentina con il dirimpettaio Higuain e porta a casa pallone e tre punti. Una gara estremamente tattica quella tra Inter e Milan con i nerazzurri che sfornano una miglior prestazione per qualità, corsa e fisicità. Il Meazza esplode al primo minuto di recupero quando la gara sembrava oramai in archivio ma ci pensa Vecino a disegnare la traiettoria vincente per Mauro Icardi che serpenteggia in area in di rigore e piazza la zampata vincente.

Milan e distanza di sicurezza e testa alla gara di mercoledì contro il Barcellona

MILANO – Torna in campo la serie A dopo la sosta per le nazionali. In uno stadio Meazza completamente esaurito scendono in campo Inter e Milan per positicipo serale della 9a giornata di campionato.

Queste le scelte dei due allenatori

INTER: 1 Handanovic; 2 Vrsaljko, 6 De Vrij, 37 Skriniar, 18 Asamoah; 8 Vecino, 77 Brozovic; 16 Politano, 14 Nainggolan, 44 Perisic; 9 Icardi.
A disposizione: 27 Padelli, 5 Gagliardini, 10 Lautaro, 11 Keita, 13 Ranocchia, 15 Joao Mario, 20 Borja Valero, 23 Miranda, 29 Dalbert, 33 D’Ambrosio, 87 Candreva.
Allenatore: Luciano Spalletti

MILAN: 99 G. Donnarumma; 2 Calabria, 22 Musacchio, 13 Romagnoli, 68 Rodriguez; 79 Kessie, 21 Biglia, 5 Bonaventura; 8 Suso, 9 Higuain, 10 Calhanoglu.
A disposizione: 25 Reina, 90 A. Donnarumma, 4 Mauri, 7 Castillejo, 11 Borini, 14 Bakayoko, 16 Bertolacci, 17 Zapata, 20 Abate, 33 Caldara, 63 Cutrone, 93 Laxalt.
Allenatore: Gennaro Gattuso

Arbitro: Guida
Assistenti: Meli, Passeri
IV uomo: Maresca
Addetti VAR: Irrati, Giallatini

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy