Malcom non forza col Bordeaux, ma aspetta solo l’Inter. Offerta più alta per il prestito?

Il giocatore non si è esposto in prima persona, ma vuole l’Inter

di Andrea Della Sala, @dellas8427
L’Inter continua a puntare Malcom del Bordeaux, ma per ora il club nerazzurro non vuole forzare la mano. Dopo aver disertato il primo giorno di raduno, Malcomsi è presentato ieri pomeriggio in campo con il club francese, ma continua ad aspettare l’Inter. Il ds Ausilio continua a lavorare per portarlo a Milano e tratta col Bordeaux per il prestito con diritto di riscatto; nessuna fretta, anche perché l’Inter ha già preso Politano e continua a lavorare in segreto per Suso.
 Inizialmente sembra che Malcom volesse esporsi in prima persona, poi è rientrato alla base e ha deciso di far lavorare i suoi agenti, tra cui anche Federico Pastorello, intermediario in questa operazione. Sul Corriere dello Sport si legge L’esterno da dodici gol stagionali – quelli dello scorso anno con i francesi – ieri ha quindi preso parte agli allenamenti, dopo due giorni di permesso concordato. Un’assenza che, in un primo momento, lasciava aperta ogni ipotesi. Tutto sta nelle volontà del Bordeaux: se sarà intransigente oppure cercherà di assecondare il desiderio di Malcom. Non si può nemmeno fare leva sulla scadenza contrattuale, fissata per il lontano 2021. Il club francese tuttavia non terrà il giocatore controvoglia. Ma è necessario un punto d’incontro con l’Inter, che potrebbe essere costretta a una soluzione che rassicuri maggiormente i Girondini: 15 milioni subito e 25 milioni per l’eventuale riscatto tra un anno. Una rivisitazione delle operazioni studiate con Barcellona e Valencia, rispettivamente per Rafinha e Cancelo”. L’anno scorso fu Dalbert a dover aspettare il primo turno di Champions League prima di poter passare in nerazzurro attorno al 8 agosto. Malcom vuole lasciarsi bene con il Bordeaux e, per questo, non ha forzato e si è presentato in ritiro.
(Corriere dello Sport)
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy