Napoli-Inter, i numeri dicono che sarà all’ultimo respiro. Un dato accomuna Perisic e Mertens

Napoli-Inter, i numeri dicono che sarà all’ultimo respiro. Un dato accomuna Perisic e Mertens

La squadra di Spalletti deve sfatare il tabù San Paolo: ne vale la pena per l’obiettivo che c’è in palio

di Eva A. Provenzano, @EvaAProvenzano
Spalletti insieme ad Ancelotti

Napoli e Inter, domani sera, si affronteranno per la 146esima volta nella storia che parla di 64 vittorie interiste, 45 azzurre e 36 pareggi. La squadra nerazzurra arriverà al San Paolo per giocarsi la qualificazione in Champions League e avrà di fronte una temibile rivale nonostante la squadra di Ancelotti abbia blindato il secondo posto. Nessun dubbio sulle difficoltà della partita e Spalletti le ha sottolineate nella conferenza stampa della vigilia ponendo l’attenzione soprattutto sul tecnico dei partenopei. C’è pero da fare attenzione anche ai numeri, uno su tutti, quello che fa più paura: l’Inter non vince al San Paolo dal 1997. E stavolta serve proprio rompere questo tabù. Dimenticarselo e ricordarsi cosa c’è in palio.

NUMERI A CONFRONTO – Sarà una gara da guardare fino all’ultimo minuto, non che sia mai diverso quando c’è di mezzo l’Inter, ma questa volta va fatto anche perché delle ultime reti segnate negli incontri precedenti i nerazzurri hanno segnato ben 4 reti dopo l’80esimo, l’ultimo di Lautaro nella gara di andata finita 1-0 nel pieno del Natale.

FC Internazionale v SSC Napoli - Serie ANelle ultime cinque gare casalinghe il Napoli ha sempre subito almeno un gol e l’attacco dell’Inter, che fa fatica a segnare di recente, dovrà provare ad usare questo dato a suo favore anche perché proprio insieme al Napoli, da febbraio a oggi, i giocatori interisti sono quelli che hanno segnato di più in trasferta, 15 gol per gli uomini di Spalletti, 17 quelli di Ancelotti. Sarà pure lo scontro tra la squadra che ha subito meno gol in stagione nel quarto d’ora finale di gara (l’Inter con cinque reti subite) e quella che ne ha segnati di più nello stesso intervallo di tempo (il Napoli con 21 marcature). Entrambi puntano sul possesso pala: 60.3% in media per l’Inter e 59.3% per il Napoli. Handanovic, che nell’ultima giornata della stagione sarà premiato dalla Lega Serie A come miglior portiere di questa stagione, è il portiere nerazzurro che ha mantenuto per più volte la porta imbattuta, 17 volte, in un anno, almeno nell’era dei tre punti per vittoria. Perisic

Altro dato interessante, da inizio aprile Ivan Perisic e Dries Mertens sono i giocatori che hanno preso parte attiva al maggior numero di marcature: cinque. Del giocatore croato si è parlato tanto in settimana in chiave mercato: pare che, dopo aver detto chiaramente a gennaio di voler andare via, stia pensando alla possibilità di restare a Milano. Ma chiaramente dipenderà molto dalle offerte che arriveranno alla società nerazzurra.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy