Napoli, rifiutata offerta per Barella: Giulini aspetta l’Inter. E infatti in estate…

Il centrocampista del Cagliari piace a Inter e Napoli

di Matteo Pifferi, @Pifferii

“Il 2018 era partito con un rinnovo di contratto; a luglio era arrivato il matrimonio; a ottobre la prima maglia azzurra: dodici mesi di legami ribaditi, di passi importanti, di crescita. Il 2019 inizia con prospettive di cambiamento. Nicolò Barella è ormai pronto per il grande salto, quello che potrebbe portare la sua giovane famiglia a lasciare la Sardegna e sbarcare «in continente»”. Apre così l’articolo de La Gazzetta dello Sport in merito al futuro di Barella, talento del Cagliari che piace molto a Inter e Napoli. La cifra stabilita dal presidente rossoblù Giulini (50 mln di euro) è importante e lo sprint è già partito.

INTER E NAPOLI – La prima offerta ‘vera’ è stata del Napoli: 20 mln più Rog e Ounas, valutati 25 mln in due. “Giulini ha preso nota, l’offerta è interessante ma non ancora soddisfacente”, sottolinea la Rosea che indirizza Barella all’interno della politica ‘giovani e italiani’ che “ispirerà il prossimo mercato del club di Zhang”. L’agente di Barella, Alessandro Beltrami, è lo stesso di Nainggolan e già nella scorsa estate il discorso è salito alla ribalta con Ausilio. Tra i nerazzurri, il Cagliari può essere interessato a giovani di prospettiva come Emmers o Karamoh, giocatori che abbasserebbero l’esborso cash per arrivare al talento cagliaritano.

SCATTO INTER – Il club nerazzurro si è già mosso per Barella, giocatore considerato bi-dimensionale: “garantisce interdizione e garra, ma anche capacità di inserimento e una certa dote di gol. Non per niente Nainggolan lo ha sempre considerato il suo erede: se il Ninja non tornerà al meglio Marotta potrebbe sostituirlo. La coppia con Modric, sogno che i nerazzurri non vogliono ancora mandare in soffitta, sarebbe il top. Quella con Brozovic costituirebbe un upgrade importante rispetto a questa stagione, perché Nicolò può sollevare Epic anche da una buona fetta dei compiti in regia”, evidenzia la Gazzetta dello Sport.

CESSIONE DI UN BIG? – Per arrivare a Barella, oltre a superare i paletti del FPF, l’Inter dovrà incassare 50 mln di euro: “cedere un big non è più un tabù, ma viene considerato un passaggio obbligato per rinforzarsi ulteriormente. E soprattutto per non lasciarsi sfuggire occasioni”, sottolinea la Rosea che aggiunge come su Barella si siano mossi altri club come United e Arsenal: un’esperienza subito all’estero farebbe ripercorrere, a Barella, l’avventura di Verratti che, dal Pescara in B, è approdato al PSG.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-13305202 - 2 anni fa

    i paletti del f.p.f. si possono superare anche attraverso ricche sponsorizzazioni o altri ricavi per cui non vedo la necessità di vendere un big

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy