Inter, 10 ko in 20 partite? Inaccettabile, Suning non sta a guardare: non è escluso…

Il figlio del patron Zhang Jindong era scuro in volto, Suning riflette sul da farsi

di Alessandro De Felice

Passano le giornate, le partite e – di fatto – gli allenatori, eppure in casa Inter la stagione non tende proprio a migliorare. La prima annata di Suning al comando del club sta riservando al pubblico cinese uno spettacolo indegno: poche emozioni e tante delusioni, in attesa di una rivoluzione che Zhang e i suoi non vedono l’ora di attuare. Le 10 sconfitte su 20 partite totali lasciano in eredità un sentimento di impressione, provato anche dai capi supremi.

Così, l’edizione odierna del Corriere dello Sport ha spiegato come Suning – a questo punto della stagione – reputi inaccettabile una tale classifica: “Steven Zhang, accompagnato dal vice presidente Zanetti e dall’ad Jun Liu, aveva la faccia terrea: la proprietà adesso è preoccupata e non accetta che a fine dicembre la stagione sia già… da buttare. Non è escluso che in caso di un’altra prestazione come quella di ieri (ottavo ko in 11 trasferte; decimo nelle 20 partite stagionali) venga usato il pugno duro”.

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-13131045 - 4 anni fa

    E allora forza usiamolo questo pugno!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-13207152 - 4 anni fa

    sono Ciriaco tifoso dell’Inter mi dispiace per Pioli che avevo grande stima ma mi rendo conto che anche lui non è un allenatore da Inter considerato la prestazione contro il Napoli e le sue scelte vorrei soffermarmi sulle scelte quando un allenatore fa giocare un elemento come Kondogbia vuol dire che non ha le idee chiare come fa a non far giocare due punte Perisic è un grande giocatore ma non può giocare in quel ruolo l’avrei spostato come esterno di centrocampo in poche parole un terzino alla Zambrotta inoltre Murillo è giovane è un grande marcatore può benissimo giocare sulla fascia destra non riesco poi a capire perché Joe Mario si mette in discussione ho venga messo in discussione gabigol è un mistero perché non viene data la possibilità anche durante le partite favorevoli subentrare almeno per qualche minuto desidero fortemente che i giocatori dell’Inter facciano un pressing dal primo secondo che inizia la partita chiudendo tutti gli spazi e giocando fino all’ultima goccia di sudore siamo una squadra senza identità pensando solo al mercato quando ci sono giocatori validi senza carattere senza motivazioni sanno solo parlare desidero vivamente per una volta vedere in campo questa formazione Handanovic Murillo terzino destro a sinistra Perisic centrali Medel Miranda davanti alla difesa Joe Mario brozovic sulla fascia destra Candreva sulla fascia sinistra Eder punta centrale Icardi dietro le punte Banega grazie dell’attenzione

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. antonio - 4 anni fa

      Certe scelte le devi fare anche perchè hai una squadra con certi tipi di giocatori , ci sono doppioni e mancano in altre zone , alcuni li devi far giocare per forza perchè sono stati spesi soldi e senza giocare non li vendi . Prendi Gabigol e dove lo metti ? Hai Banega , Joao Mario e Brozovic per lo stesso ruolo , quindi uno gioca , l ‘ altro lo adatti ed il terzo fa la riserva . Ti sembra possibile costruire la squadra in questo modo ? Io giocherei con un classico 4-3-1-2 , cioè trequartista dietro ad Icardi ed in futuro a Gabigol , ma in questo modo altri dovrebbero stare fuori e sono costati . Purtroppo quando fai un turnover esasperato di allenatori , ti trovi giocatori non più funzionali e prima di venderli li devi mettere in campo , altrimenti l ‘ agente rompe le scatole , incrini i rapporti con lui e magari ti può servire un domani , il giocatore comincia a sobillare lo spogliatoio e quando gli scontenti sono 6/7 come da noi , ecco che il casino scoppia . Ci vorrebbero dirigenti maiuscoli che non ci sono e giocatori emblema e con le palle che non ci sono , in grado di sistemare le cose fra di loro .

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy