Spalletti chiama, i tifosi rispondono. E’ già febbre Inter: superata quota 20mila abbonati

Spalletti chiama, i tifosi rispondono. E’ già febbre Inter: superata quota 20mila abbonati

Procede a gonfie vele la campagna abbonamenti dell’Inter che punta a superare i 30mila

di Andrea Della Sala, @dellas8427

Manca poco e l’Inter si metterà al lavoro per preparare la nuova stagione, quella del ritorno in Champions League. Ieri il tecnico dei nerazzurri, Luciano Spalletti, ha chiamato all’appello i tifosi interisti che già, da tempo, hanno risposto presenti. La campagna abbonamenti dell’Inter, infatti, procede a gonfie vele: superata quota 20mila tessere in attesa del raduno di lunedì 9 luglio ad Appiano Gentile.

Già nell’ultima stagione i numeri erano stati più che positivi: oltre 57mila spettatori di media a San Siro, con alcune punte di 78mila presenti (contro Milan e Juve). “Una passione che continua a crescere, leggendo i numeri di questi giorni. All’inizio di giugno si era parlato di un +30% sugli abbonamenti rispetto allo stesso periodo di un anno fa e del superamento della doppia cifra (10 mila). Alla fine nel 2017/2018 si stima che gli abbonati siano stati tra i 26 e i 30 mila (per scelta societaria l’Inter non comunica il dato esatto). Adesso siamo già a 20 mila e nel mirino c’è il superamento di quota 30 mila. Traguardo che non sembra impossibile. Merito dei cinque acquisti già portati a casa (Asamoah, De Vrij, Martinez, Nainggolan e Politano) e pronti per la partenza del ritiro; merito del ritorno in Champions League dopo sei anni; merito della fiducia accordata alla dirigenza nerazzurra e del mercato ancora in costruzione con un terzino destro e un centrocampista (di livello) nel mirino per rinforzare la squadra di Spalletti”, si legge su La Gazzetta dello Sport. La campagna abbonamenti entra ora nella seconda fase, la corsa continua e se si guarda sul sito della società i posti disponibili sono solo in 14 settori. La febbre nerazzurra è altissima.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy