Spalletti: “Perisic? E’ di proprietà dell’Inter. Se poi vuole stare fuori, lo si aiuta”

L’allenatore nerazzurro, dopo la gara con il Torino, ha parlato ai microfoni di Skysport

di Eva A. Provenzano, @EvaAProvenzano

Luciano Spalletti ha parlato dopo la gara persa con il Torino. Ecco le parole dell’allenatore dell’Inter: «Ci potevano dare uno spunto nell’1 contro 1. Non muore niente, abbiamo giocato dall’inizio così, cambiando gli esterni con le due punte. Perisic ha un fastidio per una botta, Politano ha rischiato anche giocando quei venti minuti e Keita non è a disposizione. Si è fatta una scelta diversa, si è cercato di non perdere i duelli e di andare avanti con le due punte per creare di più. Un po’ di situazioni nel primo tempo potevano dare in vantaggio, quando si sono chiusi è stata dura».

-L’Inter appare ingolfata…

Bisogna fare ordine sul principio della squadra, dare ordine. Quando siamo andati in svantaggio i giocatori sono portati a tenere più la palla e nel contrasto non si riesce ad avere la forza che si possiede. Bisogna creare le disposizione individuale di chi si attiene ai compiti. 

-La sua posizione sulla volontà di Perisic di partire? 

L’ho detto ieri. Loro possono dire quello che vogliono ma sono di proprietà della società e per darli via sono dei professionisti stipendiati, serve qualcuno che li acquista. Non si può dire di voler andare via gratis e assicurargli anche degli stipendi. Se non vuole giocare, come ha detto Marotta, chiaro che starà fuori, non ci sono problemi. Se uno pensa di non poter dare un contributo si aiuta a stare fuori. 

(fonte: SS24)

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-1843120 - 2 anni fa

    Esatto!!!!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-14037862 - 2 anni fa

    Nessuno ha fatto commenti???..

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy