Gattuso: “Contro la Lazio ci giochiamo la qualificazione in CL. Dopo il derby con l’Inter…”

L’allenatore del Milan ha parlato dopo la sconfitta con la Juventus

di Eva A. Provenzano, @EvaAProvenzano

Gennaro Gattuso, allenatore del Milan, dopo la sconfitta con la Juve ha parlato con Skysport “di calcio giocato e di come li abbiamo messi in difficoltà e non voglio parlare di altro. E’ la migliore prestazione da gennaio a oggi e l’abbiamo persa per errori nostri. Sabato prossimo ci giochiamo qualcosa di importante, se vinciamo con la Lazio abbiamo le nostre chance di qualificarci in CL“.

-Sconfitta amara per la prestazione?

Anche l’anno scorso meritavamo qualcosa di più con la Juventus. Abbiamo fatto una grande prestazione qui e sicuramente questo è il rammarico. Al di là degli episodi, giusto che ne parli la dirigenza, perché io credo alla buona fede di chi fa l’arbitro. Siamo stati ingenui perché la Juventus quando è in difficoltà cerca Mandzukic che sembra di giocare al parco con gli amici per la stazza fisica che ha. A livello tecnico-tattico abbiamo fatto una grande partita. 

-Riconosciuti tutti i meriti che hai?

Sinceramente me ne posso sbattere di cosa dice la gente. Ho giocato per questa società tante volte e ho vinto tanto con la maglia del Milan: si parla solo di tifosi, perché gli addetti ai lavori spesso apprezzano, che rivedono il giocatore con cuore e grinta, sicuramente oggi vedo il calcio con un’altra visione, con un’altra prospettiva. Quello è stato il passato e i tifosi forse sono rimasti a grinta e passione. Io rispetto tutti e l’importante è capire quello che facciamo io e il mio staff, farci capire dai nostri giocatori, poi si vedrà. Se voglio più amore dai tifosi? No, non dico questo. Non voglio nessun amore, Voglio l’amore dei miei figli, di mia moglie e dei miei genitori fino a che saranno in vita. Voglio essere giudicato per quello che faccio e per quello che vado a proporre. L’importante è non leggere, non so chi parla bene e chi parla male e vado avanti. 

-La strada della pressione alta è strada senza ritorno per il Milan?

Bisogna lavorarci, dobbiamo fare qualcosa di nuovo perché gli avversari ci studiano come abbiamo studiato noi. Dopo il derby avevamo perso un po’ di mentalità, di voglia, il fatto di reagire, l’orgoglio: li avevamo messi un po’ da parte e penso che questa partita deve darci tutto questo.

(Fonte: Skysport)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy