NYT – Zhang è noto, nessuno sa chi sia Yonghong Li. Elliott bomba pronta a esplodere

Panja è tra gli autori dell’inchiesta sul Milan uscita sul New York Times

di Francesco Parrone, @FrankParr

Tariq Panja è uno dei tre giornalisti del New York Times che venerdì hanno pubblicato un’inchiesta sul Milan che ha fatto discutere. Ecco l’intervista de La Gazzetta dello Sport:

Perché il NYT ha deciso di concentrarsi sul Milan?

“Abbiamo cominciato a concentrarci sul calcio in Cina quando è diventato una priorità per Xi Jinping. Volevamo capire perché la Cina investiva nel calcio estero e chi erano gli investitori. Il Milan era il caso più intrigante: era per distacco il club più costoso e vedeva coinvolto un personaggio largamente sconosciuto. Il proprietario dell’Inter invece è molto conosciuto”.

Quanto ci avete lavorato?

“Per diversi mesi, in Cina e altre parti del mondo. Abbiamo tentato di parlare con molte persone, il maggior numero possibile. Quasi nessuno aveva sentito parlare di Li Yonghong in Cina. Ci hanno fatto chiedere come una figura del genere potesse stare dietro l’acquisto di un club così famoso”.

Secondo le vostre fonti e le vostre conoscenze, è possibile che Mr. Li controlli le miniere attraverso Guangdong Lion?

“Non sappiamo esattamente che relazione ha Li Yonghong dietro le quinte ma i miei colleghi in Cina non hanno trovato prove che sia il proprietario di Guangdong Lion, la società che controlla le miniere”.

Le autorità italiane e alcuni advisor hanno fatto controlli su Li. Se il NYT ha ragione, perché l’accordo è stato approvato?

“Dovete chiederlo a loro. Per me erano necessari più esami. Per come è la vicenda, sembra possa concludersi con un imbarazzo per le autorità del calcio italiano. Se fossi un tifoso del Milan, vorrei sapere chi possiede il club. Dovrebbe essere chiaro. Il prezzo è stato molto alto e gli alti interessi con Elliott sono una bomba pronta a esplodere per la proprietà. Non vedo come il Milan potrà pagare il suo debito con il flusso di cassa attuale”.

-Inter, senti Pastore: “Sempre detto che vorrei l’Italia. Parlo sempre con Sabatini che…”

 

(Fonte: Luca Bianchin, La Gazzetta dello Sport 19/11/17)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy