Bocca: “L’Inter è un mondo straordinario e pazzesco. La sua condizione naturale…”

Il giornalista di Repubblica sottolinea come a guardare le partite dei nerazzurri non ci si annoi mai

di Sabine Bertagna, @SBertagna

Pazza Inter. A giudicarla così anche Fabrizio Bocca, giornalista di Repubblica, che nel suo blog commenta la prestazione dei nerazzurri contro la Fiorentina, tra alti e bassi incredibili: “A guardare le partite dell’Inter non ci si annoia. E’ una squadra instabile, capace di fare spettacolo e grandi giocate, e di buttare via tutto in un minuto. Credo che questa sia la sua condizione normale e che Pioli la cavalchi come un toro, o una tigre impazzita, cercando di assecondarla. I picchi di gioco e i gol di Icardi, Perisic e Brozovic, i suoi cali improvvisi, i suoi secondi tempi assurdi, quasi non giocati, i gol mangiati (incredibile quello di Joao Mario), quegli incredibili black out difensivi. L’Inter è un mondo incredibile, straordinario e pazzesco al tempo stesso”.

Merito dell’Inter o demerito della Fiorentina? “Non so quanto sia stata veramente positiva la terza partita della gestione Pioli. Il giudizio è molto condizionato ovviamente dai tre gol iniziali in 18 minuti, ma secondo me anche determinati dallo stato di trance della Fiorentina. Squadra in sospeso tra presente e futuro (qual è il futuro della Fiorentina?), con un allenatore, Paulo Sousa, che è chiaramente un separato in casa. Che dice “siamo una grande squadra contro tutto e contro tutti” e va avanti a slogan. Fino a quando a giugno avverrà l’inevitabile separazione. Se ci mettiamo che alla Fiorentina manca un rigore, che è stato espulso ingiustamente Gonzalo e dunque ha giocato in dieci per metà partita, che i viola sia pure con un uomo in meno sono stati padroni del secondo tempo, beh a quel giudizio positivo sull’Inter dobbiamo togliere parecchi punti. Però quattro gol sono pur sempre una bella soddisfazione e la classifica si va pure piano piano riaggiustando, di questi tempi ai nerazzurri va addirittura di lusso. Pazzesco, e molto divertente”.

(Repubblica)

Leggi qui l’intervista a Felipe Melo

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy