Capello: “Juve fortunata, le inseguitrici hanno fatto malissimo. Mistero Lazio, l’assurdità…”

L’ex allenatore ai microfoni di Radio Anch’io lo Sport

di Redazione1908

Fabio Capello ha fatto il punto sulla situazione del campionato, a partire dai bianconeri e inseguitrici: “La Juve è stata fortunata perché le inseguitrici sono andate malissimo, parliamo di Lazio e Inter. L’unica che corre è l’Atalanta. La Juve ha giocato un calcio discreto dove si sono messi in evidenza le qualità dei fuoriclasse. Il calcio della Juve dopo il lockdown è stato abbastanza al risparmio aspettando la giocata dei suoi giocatori. Dopo il lockdown in Serie A si è partiti lentamente, quindi le partite non avevano grande ritmo, ora è aumentato anche se il grande caldo incide. Il campionato mi sembra al momento sufficientemente allenante”.

Mistero Lazio: “La Lazio non tiene più il passo della Juve? La Lazio era la squadra che anche io pensavo sarebbe stata la più pericolosa per la Juve, erano rimasti tutti a Roma, si erano allenati, ma in campo non avevano più la stessa rabbia a determinazione, è un po’ un mistero. Gli attaccanti non si stanno comportando come prima”.

I falli di mano che fanno discutere: “Troppi rigori? C’è una interpretazione corretta dicono gli arbitri, ma non si prende in considerazione la pericolosità dell’azione e la volontarietà. È una assurdità e sta avvenendo solo in Italia, credo vada rivista l’interpretazione del regolamentoIl giocatore non può tagliarsi le mani, non può avere mai un equilibrio quando stacca se non apre le braccia.”

Campionato condizionato: “Questo campionato condizionerà anche il prossimo. Quando si acquistano sudamericani che arrivano in Italia senza riposare, non riescono mai a rendere il 100% , partono bene e poi hanno un calo fisico. Non si può giocare tutto l’anno senza mai riposare. Anche il prossimo campionato sarà un po’ diverso Importante è avere una squadra con una rosa più ampia con giocatori che mantengono alto equilibrio. Tanti gol nel finale? L’importante sono le 5 sostituzioni che mantengono alto il ritmo. Le porterei anche per il prossimo campionato, anche per evitare lesioni. In più aiuta gli allenatori perché coinvolge tutti i giocatori della rosa”. 

Capello vota Pioli: “Rangnick non adatto per il Milan? Io non lo conosco, ha fatto delle cose interessanti, non importanti, in Germania, viene in un campionato che non conosce, sarebbe ancora un anno zero e perderemmo ancora un campionato. Con Pioli e degli acquisti mirati il Milan sarebbe invece competitivo.”

(Radio Anch’io lo Sport)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy