Cassano: “L’Inter può dar fastidio alla Juve. Ad Ausilio dico: prendi gente come…”

Cassano: “L’Inter può dar fastidio alla Juve. Ad Ausilio dico: prendi gente come…”

L’ex attaccante dell’Inter ha parlato del campionato e anche della squadra nerazzurra

di Andrea Della Sala, @dellas8427

Antonio Cassano aspetta la chiamata di una squadra in Serie A. Il Bologna è la sua aspirazione, come raccontato a Deejay Football Club:

TOTTI“Non serviva Ronaldo per lo scudetto. Inciderà sulla Coppa dei Campioni. La Juve quando decide di vincere, vince. A Verona non è scattata la scintilla, non c’era empatia. Totti è il giocatore con cui mi sono trovato meglio in attacco, c’era amicizia in campo e fuori dal campo. Ha fatto il 60-70% della sua carriera, se fosse andato al Real Madrid avrebbe vinto di più, anche un paio di Palloni d’Oro”.

BOLOGNA“Con i figli ho eliminato tante cazzate e tanti errori, mi sarebbe piaciuto avere a 18 anni i bimbi. Bologna mi piacerebbe tanto, è una piazza che ha fatto fare gli ultimi anni a Baggio, Signori, Di Vaio. Sono convinto che potrebbe essere la piazza ideale per fare qualcosa in più della salvezza. Non gioco per soldi, per determinate piazze andrei anche gratis. I campionati seri sono in Europa e soprattutto in Italia, per ora Bologna ci sono i portoni chiusi, vediamo…”.

INTER“L’Inter alla prima partita non mi ha esaltato, sono interista e spero vinca lo scudetto. Giocare a San Siro per molti è dura. Dico a Piero: piuttosto che prenderne 5-6, ne prendo 2. Modric, Thiago Alcantara, Dembélé, questi sono giocatori che fanno la differenza. L’Inter l’unica che può dare filo da torcere alla Juve, ma è molto lontana”. 

PRANDELLI“E’ stato l’allenatore tatticamente più forte che ho avuto, mi spiace che dopo l’Italia non ha trovato squadra. Lui mi ha detto che lo scandalo è che io non gioco in questa Serie A”.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-13999256 - 1 anno fa

    CASSANO UN FUORICLASSE IN TUTTI I SENSI COMPRESO COME SCRITTORE

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy