CdS – Inter in sofferenza perenne. Il Napoli assume per Spalletti sembianze particolari

L’analisi dei colleghi sulla sconfitta dei nerazzurri

di Daniele Vitiello, @DanViti
Napoli-Inter, contrasto Lautaro-Allan
Il Corriere dello Sport in edicola questa mattina torna sulla clamorosa sconfitta subita ieri dall’Inter al San Paolo contro il Napoli: “La partita che non t’aspetti è uno spettacolo a cielo aperto che il Napoli offre nei suoi novanta minuti più strabilianti, in cui fa dell’Inter ciò che vuole: la accerchia, la manipola, ne stravolge i connotati e la spedisce a un faccia a faccia con l’Empoli da brividi (e per entrambi).  L’Inter scorge la presenza del Milan, un punto sa di un sospiro che s’avverte alle spalle, ma in quel san Paolo persosi in quella rappresentazione sontuosa, il Napoli assume per Spalletti le sembianze d’un diavolo che compare dinnanzi ad Handanovic. C’è un inferno che avvolge e brucia ogni resistenza fisica e nervosa e le fiamme che sprigiona il Napoli inceneriscono una partita che sa di sofferenza perenne per un’Inter demolita anche da se stessa: ci sono distanze siderali nell’impatto, nel ritmo, nella interpretazione dei singoli e collettiva e il Napoli lascia che la notte si imbeva d’emozioni, che scorrono da destra a sinistra o anche nel mezzo e poi, illumina il san Paolo godendosi quel capolavoro che Piotr Zielinski firma a modo suo, con una genialata dai venticinque (o trenta?) metri che finisce all’incrocio dei pali di un disperato Handanovic e tutto il resto che sa di infinito”.
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy