Ceccarini: “Serie A? Ipotesi stop definitivo sta prendendo corpo. Il male minore è un altro”

Le parole del collega a proposito dei possibili sviluppi per il calcio italiano

di Daniele Vitiello, @DanViti
Ceccarini sull'Inter

Nel suo editoriale per TMW, Niccolò Ceccarini ha parlato delle possibili soluzioni per il mondo del calcio, costretto ad adeguarsi ai tempi imposti dalla pandemia del Coronavirus: “L’ipotesi di uno stop definitivo sta prendendo sempre più corpo. C’è da dire che in questo caso per evitare ricorsi l’unica strada percorribile è l’allargamento a una serie A a 22 squadre. Una soluzione che non entusiasma nessuno ma che sarebbe il male minore. Una decisione che comporterebbe la non assegnazione dello scudetto, il blocco delle retrocessioni e la promozione di Benevento e Crotone, le attuali prime due del campionato di B. Poi per l’anno prossimo bisognerebbe stilare un calendario con più turni infrasettimanali possibili o magari stabilendo una partenza intorno a ferragosto per concludere la stagione nei tempi giusti in vista dell’Europeo. Questa è una possibilità, anche se resta aperta quella di una ripartenza a giugno”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy