Commisso: “Inter e Juve su Chiesa? Non lo vendo nemmeno per 100 milioni. Non ci servono soldi”

Commisso: “Inter e Juve su Chiesa? Non lo vendo nemmeno per 100 milioni. Non ci servono soldi”

Le parole del nuovo presidente della Fiorentina

di Daniele Vitiello, @DanViti
Commisso a Sky
Rocco Commisso, presidente della Fiorentina, ha blindato Federico Chiesa. Il numero uno viola ha fatto ulteriore chiarezza sulla volontà di trattenere il calciatore, attraverso una intervista concessa al Corriere dello Sport: «L’ho visto giocare? E come no? Ha fatto cose straordinarie. Il primo gol è stato fantastico. E poi il secondo. E’ il nostro orgoglio».

Momento magico.
  
«Se penso che con la Nazionale maggiore, quando è entrato lui nella ripresa, l’Italia ha ribaltato il risultato…. E nel finale, Federico aveva servito a Insigne il pallone del tre a uno. Diciamo che da quando sono arrivato, è come se Chiesa avesse fatto tre di gol». 
Però adesso lo sa cosa dicono tutti. 
«Cosa intende?».
Un giocatore così farà gola a tutti. Non solo alla Juve. L’Inter, le big europee.  
«Ho detto il giorno della presentazione che Chiesa rappresenta la Fiorentina in nazionale, per me il massimo. Non lo vendo».
Neanche se le offrissero cento milioni? 
«Neanche. Non abbiamo bisogno di soldi. Mi hanno detto che nel contratto non ci sono clausole che lo liberano. Voglio tenere Chiesa almeno un anno, e quando dico ‘almeno’, intendo che vorrei tenerlo di più, ma vediamo…».
Ci ha mai parlato con il ragazzo? 
«Non ancora. Lo farò nei prossimi giorni, adesso dobbiamo lasciarlo concentrato. Ma lo sentirò presto, ho voglia di conoscerlo». 
Non c’è niente che potrebbe cambiare la sua convinzione. 
«Quando faccio una promessa io la mantengo. Come potrei cominciare la mia avventura a Firenze, vendendo il giocatore che ci rappresenta in Nazionale? Auguro a Federico di fare un grande torneo, è un giocatore che mi entusiasma. Ha passione, forza, le caratteristiche che voglio vedere nella Fiorentina».
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy