Libero – Inter, Conte si salva per lo stipendio: sembra suo cugino. Bluff in corso

Il giornale parla dei risultati negativi dei nerazzurri e dell’esonero ‘impossibile’ dell’allenatore

di Eva A. Provenzano, @EvaAProvenzano

“A fare la differenza riguardo alla sua posizione è l’ingaggio. Conte è arrivato nel 2019 firmando un triennale: primo anno a 10 milioni netti più 2 di bonus, secondo e terzo 12 milioni netti più bonus. Il più pagato di sempre in serie A Sarebbero 47 lordi in caso di divorzio senza accordo. Tutto ciò contribuisce a congelarne la posizione, Zhang ad oggi non è disposto a prendere in mano la pratica esonero“. Così il quotidiano Libero parla dell’allenatore dell’Inter e dell’idea esonero che non è presa in considerazione della società.

Lui non sembra più lo stesso: “Spiega con parole da salottino un ko potenzialmente micidiale come quello di Madrid non è quell’allenatore capace di litigare con gli ultrà di Bergamo, o quello che ha risollevato la Juve ripetendo ogni giorno a tutti che arrivavano da due settimi posti, o ancora quello che ha fatto vibrare i tifosi per la Nazionale”. Nove partite giocate, tre successi per la sua squadra in tutte le competizioni.

In un periodo di vacche magre solo una catastrofe di risultati o l’esplosione dello spogliatoio potrebbe portare alla cacciata. Certo, i cinesi così attenti alle spese di mercato si ritrovano a libro paga un mister disoccupato per ripicca (di entrambi) e un altro che è il cugino di quello che avevano ingaggiato. E non solo dal punto di vista tecnico… C’è un altro bluff in corso, la partita di domenica con l’Atalanta potrebbe scoprire le carte a qualcuno“, conclude il giornale.

(Fonte: Libero)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy