Dani Alves: “Il calcio oggi è molto fisico, ma conta l’intelligenza. Non sono un idiota…”

Dani Alves: “Il calcio oggi è molto fisico, ma conta l’intelligenza. Non sono un idiota…”

Il terzino del PSG difende dalle critiche il suo amico e connazionale

di Gianni Pampinella

In un’intervista rilasciata a Folha de Sao Paulo, Dani Alves difende il suo amico e connazionale Neymar. Per il terzino del PSG le critiche rivolte a O Ney sono eccessive: “Lui è un uomo, non una macchina. Ma purtroppo non c’è un modo per isolarsi da certe critiche. Ci accomuna una forte fratellanza, per me è come un fratello, so tutto quello che gli passa per la testa e posso garantire che parliamo di una persona molto intelligente. Possiede tutto quello che oggi provoca invidia nelle persone: è un ragazzo milionario, famoso, bello. Come Cristiano Ronaldo insomma. Per questo viene criticato da chi non potrà mai essere come lui”. Poi il terzino, 35 anni, risponde a chi lo crede un giocatore finito: “Ma, anche se il calcio di oggi è molto fisico, tutto resta basato sull’intelligenza, io non sono un idiota, so che quando raggiungi una certa età le persone possono pensare che tu non possa dare di più. Tuttavia la preparazione è più mentale che fisica. Ho giocato con Xavi e so bene che nessuno è più veloce della palla“.

(Sky Sport)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy