Inter, i numeri non tornano. Ma per Conte c’è un dato confortante

Troppi gol incassati a fronte delle poche occasioni concesse agli avversari e invece si segna poco

di Eva A. Provenzano, @EvaAProvenzano
Alla fine di ogni partita è stato comunque soddisfatto del rendimento della sua squadra. Antonio Conte sta cercando di dare un gioco ai suoi e tra un’emergenza e l’altra ha guardato a quell’obiettivo. Se si guarda al cammino in campionato, TuttoSport sottolinea che c’è un dato che conforta l’Inter: “Nella prima stagione al Chelsea (2016/17) Conte vinse la Premier nonostante una partenza tutt’altro che esaltante, con 10 punti nelle prime 6 giornate dove aveva perso con Liverpool e Arsenal i primi due scontri diretti di stagione. Come sia poi finita, è storia. Lo stesso vale per la prima stagione a Torino, quando i punti erano stati 12 nelle prime sei gare disputate (la prima di campionato, a Udine, venne recuperata il 21 dicembre)”.
All’allenatore interessa il processo di crescita della sua squadra. Sa soprattutto che certi numeri non tornano. Nelle ultime quattro gare i tiri nello specchio subiti dalle formazioni avversarie sono stati 6 e 4 i gol incassati per una percentuale del 67% rispetto ai pericoli corsi. Invece sono 25 i tiri in porta e 6 gol segnati, il 24% rispetto al totale.
(Fonte: TS)
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy