Doppio scenario per l’Inter: fare l’anti Roma o l’anti Juve? E Spalletti in quei due stadi…

Doppio scenario per l’Inter: fare l’anti Roma o l’anti Juve? E Spalletti in quei due stadi…

Inizia un periodo particolarmente complicato per l’Inter che affronterà sfide importanti

di Andrea Della Sala, @dellas8427

Ora inizia un periodo tosto per l’Inter. La ripresa sarà con il Frosinone sabato sera, poi arriveranno sfide importantissime sia in Serie A che in Champions League. “In Europa i nerazzurri si giocheranno due match point per l’accesso agli ottavi di finale di Champions contro Tottenham (a Londra) e Psv (a San Siro), ma la vera polpa sta nel mezzo: perché con tutto il rispetto per il Frosinone – prossimo avversario sabato sera a Milano, alla ripresa del campionato – le due trasferte contro Roma e Juve calendarizzate tra le due sfide di Champions daranno probabilmente risposte verosimili su quanto l’Inter abbia colmato il gap con le big e su quale dovrà essere il limite di questa stagione. Con due scenari. Il primo: più anti Roma, e quindi a difesa di un posto nuovamente nell’Europa dei grandi, obiettivo minimo del club, magari con scalata al terzo posto che sarebbe comunque un passo in avanti rispetto alla passata stagione. Il secondo: davvero anti Juve, ossia cominciare a pensare in grande in anticipo rispetto alle attese della società e del presidente Zhang, che vuole riportare l’Inter sul tetto di Italia nel giro di qualche stagione”, questa l’analisi de La Gazzetta dello Sport.

“Sul campo e nei due stadi dove forse Spalletti tiene maggiormente a fare bella figura: nell’Olimpico giallorosso, sua vecchia casa, e allo Stadium, regno quasi inviolabile della Juventus dei record. Insomma, un lungo test di maturità che potrà avere ripercussioni anche sulle strategie di mercato di gennaio: con gli ottavi di Champions certi e un distacco sulla Juve accessibile, chissà che non ci possa essere subito qualche ritocco per continuare a volare. Viceversa, nel caso amarissimo di retrocessione in Europa League e quarto posto a rischio, sarebbe complicato pensare di investire ancora e consigliabile accontentarsi. Un verbo che però all’Inter non è mai piaciuto”, continua il quotidiano.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy