Ferri: “Inter, con la Samp serve un segnale di continuità. Spalletti aspetta tre uomini”

L’ex difensore nerazzurro parla della sfida di questa sera a Marassi

di Fabio Alampi, @FabioAlampi

Intervistato da La Gazzetta dello Sport, Riccardo Ferri ha parlato dell’impegno di questa sera dell’Inter di Luciano Spalletti, che a Genova affronta la Sampdoria di Marco Giampaolo: “L’Inter ha qualcosa in più come qualità complessiva, la Samp è più avanti come organizzazione di squadra: chiude gli spazi e riparte, difficile attaccarla. Spalletti è più indietro nel recupero palla e quindi nella scelta dei tempi del pressing e pure nel giro palla, spesso troppo compassato. Aspetta in particolare tre uomini. Il primo è Icardi, che dopo il bellissimo gol di Champions si sarà rinfrancato; l’altro è il pezzo forte del mercato, cioè Nainggolan; il terzo è Politano, che quando salta un avversario ha bisogno di avere al fianco una squadra che lo accompagni compatta, corta. Se l’Inter di Marassi riesce a ripartire dai minuti finali di Champions allora può fare il colpo contro un avversario che ha tempi di gioco più collaudati. E’ una sfida molto indicativa, l’ambiente nerazzurro si attende un segnale di continuità dopo questo inizio di torneo balbettante che ha confermato il livello di eccellenza europea della linea difensiva ma non ha visto gli altri due reparti. La Samp ha giocatori di livello tipo Defrel e Quagliarella, ma la sua pericolosità collettiva deriva dal lavoro maniacale di Giampaolo“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy