Giornale – Un cinese e un americano decidono le sorti di San Siro. Non è una barzelletta…

Il quotidiano analizza come a decidere il futuro di San Siro saranno due proprietà straniere

di Andrea Della Sala, @dellas8427

Inter e Milan potrebbe traslocare e abbandonare San Siro per costruire un nuovo stadio. E San Siro potrebbe addirittura essere demolito.

“Una novella invasione barbarica, con tanto di conquista cino-americana pronta a mettere la parola fine ad uno dei monumenti storici dello sport italiano e non solo. Ma se secoli fa ci si lamentava della rapina a mano armata di opere d’arte italiane da parte di Napoleone Bonaparte, oggi ci troviamo di fronte a due società che decidono di mettere
una pietra tombale sopra un pezzo di storia del mondo sportivo Italiano. Fa quasi ridere, ma a decidere le sorti dello stadio San Siro di Milano sono le due società cittadine gestite da un gruppo cinese e da un fondo
americano. Se non ha l’aria di essere una barzelletta poco ci manca, ma il potente fondo Elliot e il colosso Suning guardano più all’aspetto economico che a quello dei facili sentimentalismi. Il dado, di fatto, è tratto. Di certo si tratta di una decisione che ha creato una netta spaccatura tra chi vuole che San Siro venga demolito e chi, invece, preferirebbe
che la storia di Milan e Inter proseguisse ancora alla Scala del calcio. Di certo Milan e Inter hanno deciso, l’addio a San Siro è solo questione di tempo. Rimane la lacrima per vedere Suning ed Elliott, potenze cinesi e americane, mettere la parola fine ad una vera e propria istituzione nazionale italiana”, si legge su il Giornale.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy