Pincolini: “Incognite fisiche dopo lo stop? Conte una garanzia, l’Inter andrà a mille all’ora”

Pincolini: “Incognite fisiche dopo lo stop? Conte una garanzia, l’Inter andrà a mille all’ora”

Il preparatore atletico della Nazionale Under 21 non ha dubbi sulla tenuta atletica dei calciatori

di Fabio Alampi, @FabioAlampi

Vincenzo Pincolini, preparatore atletico della Nazionale Under 21 ed ex collaboratore, tra gli altri, di Arrigo Sacchi e Fabio Capello, ha parlato ai microfoni di Tuttosport.

Che gara potrà essere Juve-Inter dopo un periodo così lungo di inattività?
Ci saranno delle insicurezze e bisogna gestirle al meglio. Tre settimane di pausa sono tante. Non sarà una partita normale. Ti sei allenato tanto ma senza mai aver giocato. Sono partite dove avrà più possibilità di vincere chi riuscirà a far valere anche la maggior esperienza nel gestire certi momenti“.

Chi ha più campioni insomma?
I campioni più importanti che non sono fatti solo di tecnica si vedono in questi momenti. In tutte queste difficoltà bisogna aggiungerci le porte chiuse“.

Guardando il calendario dell’Inter l’ultima partita vera è stata giocata con la Lazio…
E’ una partita che vale tanto, ci sarà sicuramente tantissima tensione. La Juve ha problemi per un motivo, l’Inter per un altro. Non è vero che c’è qualcuno che è più svantaggiato. Ho lavorato in Ucraina, ho lavorato con squadre che venivano da due mesi di pausa però siamo sempre riusciti a fare bene sfruttando proprio la carica fisica, un allenamento superiore rispetto agli altri. Poi conta molto l’allenatore“.

Si spieghi.
Gli allenatori devono saper tenere carichi i giocatori come se si fosse sempre giocato. Qui si vedrà la mano del tecnico. Io credo più che di condizione fisica per certe squadra sarà più un problema di concentrazione, di motivazioni. Con Conte mi aspetto un’Inter che al fischio dell’arbitro vada a mille“.

Ma la preparazione?
Come preparazione a marzo hai già seminato, mantenere la condizione è un pò più facile. Sicuramente le squadre hanno fatto delle programmazioni come se ci fosse la partita in calendario che poi non si è giocata. E’ mancata una successione logica agli allenamenti che hanno fatto. Conoscendo la pausa gli allenatori avrebbero fatto qualcosa di più e di diverso“.

Come la mettiamo con il finale di stagione pieno di impegni?
Ora non ci possono essere alibi. Con tre settimane vissute ad allenarsi possono affrontare le 2-3 partite a settimana senza problemi. Si sono tutti potuti preparare per un finale impegnativo. Quello che si è fatto adesso dovrà servire fino alla fine“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy