Inter, altro che 50 mln: la Champions porta molto di più: “Con Suning, Pirelli e Nike sarebbero…”

Tanti soldi in palio per la qualificazione alla Champions League

di Marco Macca, @macca_marco
steven zhang presidente dell'inter

In palio c’è l’onore, ma anche molto di più. L’Inter si gioca tantissimo domenica sera a San Siro contro l’Empoli. La Champions è una questione di prestigio, ma anche di parecchi milioni di euro. Che, come riportato dalla Gazzetta dello Sport, potrebbero essere molti di più dei 50 di cui fin qui si è parlato:

In primis è una questione di palcoscenici sportivi, di voglia di confrontarsi coi migliori, di regalare ai tifosi sfide memorabili. Poi c’è anche una questione economica, tutt’altro che in secondo piano, sopratutto in ottica mercato. La qualificazione in Champions non porta solo i 50 milioni garantiti dall’Uefa fra premi di partecipazione e market pool, ma anche, immediatamente, bonus dagli sponsor per altri 13. I contratti firmati con Pirelli, Nike e Suning, i principali partner del club, prevedono infatti che scattino «assegni» in caso di ingresso nella competizione: 6 milioni, 3,75 e 3 rispettivamente. Poi c’è l’indotto, come si direbbe in economia, che va dal botteghino ai premi per i punti nel girone, ad altri circoli virtuosi che si innescano. Ma subito, domenica notte, saranno 63 sicuri. Bruscolini, verrebbe da dire, pensando ai ricavi della casa madre, ma è ormai noto che sia per le regole del Fair Play economico (si può spendere quanto si ricava, con piccole deviazioni) sia per filosofia aziendale l’Inter debba tendere verso l’auto-finanziamento. Quindi quei 63 milioni fanno una certa differenza“, riporta il quotidiano.

(Fonte: la Gazzetta dello Sport)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy