Inter, che difesa! Solo il Liverpool ha fatto meglio e a San Siro Spalletti ha un bunker

L’Inter in campionato non prende gol dalla gara con la Fiorentina del 25 settembre

di Andrea Della Sala, @dellas8427

Il cammino dell’Inter in questa stagione è stato costruito soprattutto grazie alla solidità difensiva. La squadra di Spalletti nel girone di andata ha incassato solo 14 gol, 3 in più della Juventus che è la squadra meno battuta.

“Sotto processo è finito il rendimento europeo perché Handanovic ha sempre subito gol nelle sei uscite di Champions, ma se si allarga la lente ai principali campionati la porta dell’Inter è rimasta inviolata per 10 partite e chi ha fatto meglio è solo il Liverpool di Klopp. Sulla Mersey a peso d’oro è arrivato Alisson per chiudere la saracinesca in 13 gare su 22 mentre dopo la banda di Spalletti ci sono il City di Guardiola, il Chelsea di Sarri e l’Atletico di Simeone, un altro che ha fatto dell’assetto difensivo una garanzia tenendo la porta sbarrata in 9 match su 19. Possono cambiare gli uomini e le prospettive, ma i dogmi difensivi spallettiani restano, come dimostra la chiusura alla difesa a tre paventata in estate e soprattutto le mosse all’orizzonte. Come per gli innesti a parametro zero di Asamoah e De Vrij, l’Inter sta cercando di strappare all’Atletico Diego Godin, deve valutare se sacrificare Skriniar e si appresta a salutare Miranda e Ranocchia. Sulle fasce l’unico sicuro del futuro è Asamoah, si fanno i nomi di Biraghi, Darmian ed Emerson Palmieri visto che Dalbert non ha mai convinto e l’idea è quella di non riscattare Vrsaljko, costato 6,5 milioni per un anno. Per riscattarlo ne servirebbero altri 17,5 e i tanti problemi fisici, che hanno costretto D’Ambrosio agli straordinari, fanno aumentare i dubbi. Il borsino andrà su e giù sino a fine mercato, intanto sabato torna la Serie A e l’obiettivo della retroguardia è quello di seguire la proiezione del campionato scorso con 30 reti subite in tutto, a fronte delle 49 di due stagioni fa. Ma il bersaglio è anche un altro. L’ultima rete subita in casa risale all’autogol di Skriniar con la Fiorentina, il 25 settembre, e alla ripresa si ricomincia contro il Sassuolo: in caso di porta inviolata sarebbe la settima gara di fila casalinga. Non succede dall’aprile 2010, una stagione non certo come tutte le altre” riporta il Giornale.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy