Inter, l’escalation di D’Ambrosio: dal derby al record “imprevisto”. E ora il contratto…

Il terzino rappresenta un usato sicuro per Spalletti

di Matteo Pifferi, @Pifferii

Il pareggio contro la Roma ha dato in dote all’Inter un punto importante che avvicina sempre più i nerazzurri all’obiettivo stagionale: il vantaggio sul quinto posto (+6 sulla Roma) a 5 giornate dalla fine rappresenta un buon bottino per i ragazzi di Spalletti. Decisivo il gol di Perisic, pescato magistralmente da Danilo D’Ambrosio: proprio il terzino napoletano, in questa stagione, ha dimostrato una costanza di rendimento tale da risultare, nel computo totale, uno dei più positivi in assoluto della rosa nerazzurra.

GOL E ASSIST DA USATO SICURO – Anche i dati parlano chiaro: il terzino destro ha disputato 26 presenze, (25 dall’inizio, da subentrato solo contro l’Empoli a fine 2018) e messo a referto due reti e ben cinque assist ai compagni. Gol di un’importanza capitale perché il primo è arrivato alla sesta giornata contro la Fiorentina sul punteggio di 1-1 (2-1 il finale per i nerazzurri) mentre il secondo è arrivato contro la Sampdoria, sempre a San Siro e sempre col punteggio finale di 2-1 in un periodo non positivo per la squadra. Del D’Ambrosio 2018-2019 si ricordano anche gli assist (5, nessun difensore come lui!) ed un salvataggio provvidenziale contro il Milan a tempo scaduto sul tentativo a botta sicura di Cutrone che avrebbe portato il risultato sul 3-3. Numeri, gol, assist, duttilità, dedizione, devozione e punti portati alla causa con prestazioni positive e qualche (fisiologico) passaggio a vuoto: nell’Inter solida in difesa – 27 gol subiti in 33 partite, solo la Juventus ha fatto meglio con 23 reti incassate -, c’è anche lo zampino di D’Ambrosio, silenzioso fuori dal campo ma con tempra e carattere da vendere sul terreno di gioco. C’è però un piccolo “mistero” da risolvere: il contratto. Il 30enne di Caivano è legato all’Inter fino al 30 giugno 2021: la sua stagione in nerazzurro si chiuderà con un prolungamento? Alla luce delle prestazioni dell’ultimo anno, sarebbe più che motivato.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy