Inter, Marotta si muove contro un terremoto. C’è uno scenario da incubo da evitare a ogni costo

Inter, Marotta si muove contro un terremoto. C’è uno scenario da incubo da evitare a ogni costo

Le mosse di Marotta per evitare uno scenario da incubo

di Marco Macca, @macca_marco

Una crescita esponenziale, che lo ha portato alla ribalta internazionale e che fa gongolare i tifosi dell’Inter. Ma che, dall’altra parte, costituisce un pericolo non da poco, se si pensa all’interesse mosso nei confronti dei grandi club d’Europa. Lautaro Martinez si sta affermando come uno dei migliori giovani attaccanti del mondo. A soli 22 anni, il Toro è diventato un pilastro della squadra nerazzurra, ma anche della Nazionale argentina. Ecco perché Beppe Marotta e Piero Ausilio, come confermato ieri dall’agente del giocatore, si stanno muovendo con rapidità per ridiscutere il contratto del giocatore, che ha una clausola rescissoria pari a 111 milioni di euro. L’obiettivo è rimuoverla, anche perché, come riportato dal Corriere dello Sport, Lautaro ha un valore di mercato che si aggira già sui 70 milioni di euro e, con questo rendimento, non faticherà ad arrivare presto al valore della clausola stessa. Scrive il quotidiano:

Una crescita prepotente, la continua conferma di aver messo a segno un vero colpaccio. Lautaro Martinez, infatti, è ormai da considerare un gioiello, un gioiello che brilla sempre di più e che sta facendo e continuerà a fare le fortune dell’Inter. Il valore del “Toro”, adesso, è da considerare triplicato, toccando ormai i 70 milioni. Continuando così, non impiegherà molto a raggiungere i 111 milioni della clausola contenuta nel suo contratto. Non a caso, il club di viale della Liberazione sta già trattando il prolungamento, con eliminazione dell’opzione di uscita. Meglio non rischiare sorprese, anche per il Barcellona, su input di Messi, compagno nella Seleccion, ha già fatto qualche pensierino sul “Toro”“.

(Fonte: Corriere dello Sport)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy