Inter Primavera, Madonna: “Importante partire bene. Esposito e Agoumé sanno che…”

Inter Primavera, Madonna: “Importante partire bene. Esposito e Agoumé sanno che…”

Le parole del tecnico nerazzurro dopo il debutto vincente in Youth League

di Marco Macca, @macca_marco

Una grande vittoria per l’Inter Primavera di Armando Madonna in Youth League contro lo Slavia Praga. In attesa della prima squadra, di scena alle 18.55 a San Siro nell’esordio in Champions League, i ragazzi nerazzurri hanno steso i pari categoria con un secco 4-0 che ha messo in luce il talento di tanti giovani, Esposito su tutti (autore di una doppietta). Il tecnico nerazzurro non può che essere soddisfatto:

BUONA PARTENZA – “Vincere fa sempre piacere. Ora dobbiamo pensare a crescere bene, siamo abbastanza giovani. Non so se la partenza nell’ultima partita a Pescara sia stata da presuntuosi, anche se poi poteva finire con molti più gol. Oggi l’abbiamo subito interpretata bene, con determinazione. Ovvio che poi tutto si è messo in discesa dopo il gol. Dobbiamo avere questa continuità soprattutto di atteggiamento. Stiamo lavorando per essere sempre aggressivi, anche se non è facile. Era importante partire bene, anche perché abbiamo tanti 2002 che nelle due partite con il Borussia Dortmund non ci saranno. Sarà più complicato, anche se ci sarà spazio per gli altri“.

ESPOSITO – “E’ un 2002 ed è un valore aggiunto per noi. Viene sempre con l’atteggiamento giusto ed è la cosa più importante, al di là dei gol e della prestazione. Ha bisogno di giocare e siamo qui per questo. Conosce tutti i ragazzi, dunque non c’è problema. Sono contento di lui come degli altri attaccanti, che hanno giocato con grande spirito di sacrificio e di lotta“.

VERGANI – “L’atteggiamento è giusto: corre e lotta. E’ quella la base per far uscire le sue qualità“.

KINKOUE’ E AGOUME’ – “In prospettiva sono forti. Con me si è allenato solo Kinkoué, Agoumé è sempre stato col mister, anche se è venuto a fare tante partite a differenza di Esposito. Anche lui, però, viene anche sempre con voglia e determinazione, anche perché loro sanno che Conte ci guarda. Kinkoué è un ragazzo che ha fisicità, è applicato, intelligente e tatticamente molto bravo. Sono tutti 2002 che hanno personalità e che, se continuano così, posso giocare in categorie importanti“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy