FC Inter 1908
I migliori video scelti dal nostro canale

ultimora

GdS – Inchiesta plusvalenze, pm indagano su recompre: “Inter ostenta sicurezza”

Getty Images

I dirigenti dell'Inter sono sicuri e convinti di aver sempre operato a norma di legge sul calciomercato negli anni

Alessandro Cosattini

“Abbiamo emesso un comunicato chiaro ed esplicito. Confermo che l’Inter ha sempre agito in modo corretto. C’è assoluta serenità e collaborazione, ha detto ieri Beppe Marotta riguardo il caso plusvalenze. Come spiega oggi La Gazzetta dello Sport, nel mirino soprattutto “gli scambi di giocatori di fascia medio-bassa e sul vecchio sistema della “recompra”, presente nell’ordinamento fino al 2019 e che, secondo i sospetti degli investigatori, potrebbe essere stato usato per “predeterminare” futuri incassi. Proprio questi sono i punti focali di una inchiesta, ancora in embrione, sui 90 milioni circa di plusvalenze dal 2017 al 2019. Si ipotizza il reato di «false comunicazioni sociali», peraltro ancora tutto da dimostrare, in un fascicolo a carico di ignoti, cioè senza indagati. Ora non è escluso che i pm che coordinano l’inchiesta, Giovanna Cavalleri e Giovanni Polizzi, possano decidere di affidare una consulenza tecnica ad un esperto per l’analisi dei rendiconti acquisti dai finanzieri”, si legge.

 Getty Images

L’Inter collabora e “già martedì ostentava sicurezza”, sottolinea la rosea. Che poi spiega la posizione nerazzurra più nel dettaglio:Il club, infatti, è convinto di aver operato a norma di legge anche perché è sempre “aleatoria” ” la valutazione di un calciatore. Vale anche per i casi più noti finiti nell’inchiesta, ovvero quei giocatori ceduti altrove con ricca plusvalenza prima di fare il viaggio di ritorno a Milano, non necessariamente sempre con una precisa clausola nei contratti: su tutti, il portiere Ionut Radu e l’attaccante Andrea Pinamonti, “rimbalzati” in diversi momenti tra Inter e Genoa”, sottolinea il quotidiano.

tutte le notizie di