Mancini pensa già a Euro 2020: sicuri di esserci Sensi e Barella. Ma l’Inter potrebbe averne altri due

Mancini pensa già a Euro 2020: sicuri di esserci Sensi e Barella. Ma l’Inter potrebbe averne altri due

L’Italia potrebbe qualificarsi con la Grecia con 9 mesi d’anticipo, l’Inter potrebbe essere ben rappresentata

di Andrea Della Sala, @dellas8427
Roberto Mancini, CT dell'Italia
Nella prossima sfida contro la Grecia, l’Italia potrebbe qualificarsi con 9 mesi d’anticipo al prossimo Europeo. Ruolino super per gli azzurri di Mancini, così il tecnico può già pensare al futuro e alla lista per Euro 2020.
Secondo Repubblica “Il dilemma è se, oltre ai 3 portieri, gli altri 20 saranno il titolare del 4-3-3 e il suo doppione (8 difensori, 6 centrocampisti e 6 attaccanti) oppure se, in nome dell’eclettismo e dell’opportunità di portare 3 centravanti, Mancini farà un sacrificio in altri ruoli. Oggi sicuri del posto sarebbero 15: 2 portieri (Donnarumma e Sirigu), 4 difensori (Bonucci, Emerson, Florenzi, e Chiellini, se recupererà dall’infortunio), 5 centrocampisti (Barella, Jorginho, Pellegrini, Sensi e Verratti) e 4 attaccanti (Belotti, Bernardeschi, Chiesa e Insigne). Con De Sciglio e Immobile, avvantaggiati sulla concorrenza, si arriverebbe a 17. I ballottaggi attuali sembrano tra Meret e Gollini per il 3° portiere, tra Acerbi e Romagnoli come vice Chiellini, tra Izzo, Gianluca Mancini, Biraghi, Spinazzola e Piccini in difesa, tra Cristante, Tonali e Zaniolo a centrocampo, tra Kean, Quagliarella, Lasagna e Balotelli per l’eventuale terza punta centrale, tra lo stesso Kean ed El Shaarawy esterni. Ma c’è tutto il tempo per le sorprese. Il 30 novembre a Bucarest, con i sorteggi per la fase finale, comincerà virtualmente Euro 2020″.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy