Juve, con l’Inter senza 6 infortunati. Ronaldo ci sarà, Allegri annuncia esperimenti a San Siro

Il tecnico della Juve potrebbe modificare l’assetto della squadra contro i nerazzurri

di Andrea Della Sala, @dellas8427
Dopo la vittoria dell’ottavo scudetto, la Juve scenderà in campo sabato sera a San Siro contro l’Inter. Dopo la vittoria del titolo, Allegri ha concesso tre giorni di riposo alla squadra bianconera e da oggi riprenderà a lavorare in vista della sfida coi nerazzurri.
“Un appuntamento comunque importante – al di là della classifica – per diverse pedine da oggi al lavoro alla Continassa. A partire da Daniele Rugani che, nella seconda parte della stagione, ha trovato la continuità a lungo invocata: in campo 90 minuti in 11 delle ultime 15 uscite in campionato e nelle due sfide di Champions League con l’Ajax. San Siro e l’Inter potrebbero rappresentare per lui l’ennesimo esame, sempre che nei prossimi giorni non bruci le tappe capitan Chiellini, unico tra gli attuali infortunati in casa bianconera a coltivare legittime speranze di aggregarsi al gruppo per la trasferta meneghina. La linea che guiderà la decisione dello staff tecnico e di quello medico, a maggior ragione senza più traguardi da tagliare, sarà comunque quella della prudenza. Non faranno per certo parte dei convocati di Allegri, invece, gli acciaccati DybalaDouglas Costa e Caceres, a fare il paio con PerinKhedira e Mandzukic che hanno anticipatamente concluso la stagione. Chi, al contrario, sarà in campo a San Siro con tutta l’intenzione di lasciare il segno è il solito Cristiano Ronaldo, a tre reti da Quagliarella e sospinto dalla motivazione extra – semmai ce ne fosse bisogno… – di conquistare il titolo di capocannoniere alla sua prima avventura in Serie A. Sarà lui a guidare il pacchetto offensivo sabato sera, che Allegri opti per il vestito tradizionale del 4-3-3 o che viri verso un 3-5-2 al contempo antico ed innovativo. Il tecnico bianconero ha annunciato esperimenti nel restante scorcio di stagione e questo modulo si presta tanto a valutare Emre Can o Alex Sandro come terzi di difesa, quanto a soppesare lo spessore di Bernardeschi o Cuadrado da interni di centrocampo. E San Siro, in questo senso, rappresenta l’ideale banco di prova”, si legge su Tuttosport.
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy