La versione di Agnelli smentita da due intercettazioni: “Questa è gente che ha ucciso”

La versione di Agnelli smentita da due intercettazioni: “Questa è gente che ha ucciso”

L’Huffington Post ha pubblicato due intercettazioni che smontano la versione di Andrea Agnelli

di Sabine Bertagna, @SBertagna

L’Huffington Post ha pubblicato due intercettazioni che smentirebbero le dichiarazioni del presidente Andrea Agnelli, rilasciate recentemente in relazione ai presunti rapporti della Juventus con la mafia nella vicenda della gestione dei biglietti. “I rapporti diretti tra il presidente della Juventus Andrea Agnelli e Rocco Dominello, figlio di un boss della ndrangheta, sono documentati da due intercettazioni e da una testimonianza dello stesso Dominello resa nel corso dell’interrogatorio in carcere. I documenti che contraddicono quanto affermato dall’avvocato della Juventus Luigi Chiappero nell’audizione in commissione Antimafia sono contenuti nel deferimento del procuratore della Figc Giuseppe Pecoraro, avvenuto in settimana e citato non a caso oggi dalla presidente della commissione Rosy Bindi per contestare a Chiappero quanto affermato in entrambi le audizioni rese a San Macuto.” 

Scrive l’Huffington Post: “Pecoraro allega quindi un’intercettazione in cui Agnelli è a colloquio con il responsabile sicurezza della Juve Alessandro D’Angelo, in cui si parla chiaramente di un incontro tra Agnelli, Dominello e altri ultrà presso la Lamse SpS, holding controllata dallo stesso Agnelli. La conversazione risale all’agosto del 2016, e Agnelli racconta: “So che erano lì…io ogni volta che li vedevo, quando li vedevo a gruppi facevo scrivere sempre le cose sui fogli, perché nella mia testa era per dargli importanza che scrivevo quello che dicevano”. Più avanti Agnelli si riferisce alla rivendita di biglietti forniti dalla società: “loro comprano quello che devono comprare, a noi ci pagan subito e poi gestiscono loro!”.

Chiappero, l’avvocato della Juventus, aveva escluso in maniera perentoria ogni contatto diretto tra Dominello e Andrea Agnelli, specificando che nessuno in società fosse a consocenza dei rapporti di Dominello con la ndrangheta. Nel documento, ancora secretato, di cui l’Huffington post è entrato in possesso, “Pecoraro afferma che “non solo Agnelli fosse consapevole dei rapporti strutturati e delle concessioni fatte in favore dei gruppi del tifo organizzato e di esponenti malavitosi, ma che acconsentiva a tale condotta”. Pecoraro cita un’intercettazione, risalente al marzo del 2014, per smontare anche la linea secondo la quale la società Juve non fosse a conoscenza del profilo criminoso di alcuni esponenti ultrà: “Il problema è che questo – dice Agnelli riferendosi al capo ultrà Loris Grancini – ha ucciso gente”. D’Angelo replica che “ha mandato a uccidere”.”

(Huffington Post)

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy