Sky – Lukaku-Icardi, numeri simili ma spirito diverso. Difficilmente si era visto prima…

Il canale satellitare mette a confronto i due attaccanti e il loro rendimento: quello del belga di quest’anno e quello dell’argentino nella scorsa stagione

di Eva A. Provenzano, @EvaAProvenzano

L’Inter finisce il 2019 al primo posto in classifica, insieme alla Juventus. Conte ha tenuto tutti con i piedi per terra,  ma intanto si gode qualche giorno di riposo e un Buon Natale. A Skysport Matteo Barzaghi, nel suo servizio sui nerazzurri, ha parlato proprio di aria cambiata attorno al pianeta interista.

La differenza sta nel cuore. Quello di Lukaku che cede il rigore ad Esposito. Quello di Conte che non si placa mai. Quello di Esposito che vola tra i sogni e quello dell’Inter che al momento, sembra diverso di quello della scorsa stagione. Dalle lotte interne ad uno spogliatoio spaccato da individualismi si è passati alla generosità delle favole. Come quella del belga che fa posto ad un ragazzino di 17 anni sul dischetto del rigore”, spiega il giornalista.

NUMERI – Se si mettono a confronto quelli di Romelu e Icardi si nota ovviamente che entrambi segnano tanto, ma la differenza è nello spirito: la voglia di giocare per i compagni, la disciplina con regole uguali per tutti. Nella scorsa stagione Maurito ha totalizzato numeri simili ma è diversa l’essenza della squadra. 17 presenze il belga, 13 l’argentino, 12 gol in A e 2 in Champions (in cinque presenze) per Lukaku e 9 reti in A e 4 gol in CL (in 4 presenze) per Maurito.

Ma al di là dei numeri dalla parte di Big Rom ci sono una prestazione con due gol, un assist e un rigore concesso ad un giovane compagno, tutto in una partita. Difficilmente prima si era vista una cosa così. E allora sembra proprio sia cambiato lo spirito dei nerazzurri. E questo spirito di cuore, puramente natalizio, le ha permesso di restare incollata al primo posto, in attesa di vedere quel che sarà con il nuovo anno e un nuovo inizio.

(fonte: SS24)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy